Passa ai contenuti principali

Bici in città: qualche numero, qualche consiglio e una riflessione

"Un adulto in buona salute, non fumatore, che vive in città, inspira tra i 6 e i 9 litri di aria al minuta, introducendo nei polmoni circa 1/2 grammo di veleni ogni ora.
Un ciclista urbano, nelle stesse condizioni, aumenta di circa 10 volte la quantità di aria respirata e quindi introduce ogni ora circa 5 grammi di veleni vari, tra biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, ozono (questo gas, per assurdo, trova le concentrazioni più elevate nelle ville, nei parchi e nelle zone verdi urbane, nelle ore di maggior insolazione e calore), benzene e PMI, le famigerate "polveri sottili"....
"Inoltre il ciclista sfrutta un meccanismo di ventilazione polmonare particolarmente intensa, che stimola i polmoni in tutta la loro capacità di scambio, fino agli alveoli più piccoli. Quando poi lo sforzo aumenta, il ciclista respira con la bocca, annullando l'effetto di filtro prodotto dal naso contro le PMI. Inoltre, se in città ci sono sole e caldo, aumenta nell'aria la concentrazione di ozono, che è particolarmente tossico per le vie respiratorie, e la funzione polmonare si deteriora tra l'inizio e la fine della pedalata."
"Proposte su come evitare di correre questi rischi? Muoversi con intelligenza, scegliere ore strategiche, itinerari semplici con strade poco trafficate e sufficientemente larghe per andare in bici in sicurezza e in presenza di una buona qualità dell'aria, non dimenticandosi poi delle piste ciclabili."

Queste informazioni sono tratte da un lungo speciale pubblicato su "La Repubblica - Salute" del 1° novembre 2007, pagg. 28-31, a firma del dott. Claudio Tedesco, specialista in scienze motorie e sportive.

La risposta più facile e banale al dott. Tedesco sarebbe quella di dirgli che qui non siamo in Germania, ma sarei liquidato come un pallido battutista.

Mi domando, visto che il dott. Tedesco è di Roma, in quale quartiere viva e dove lavori. Consigli come "scegliere strade larghe e poco trafficate, privilegiare le piste ciclabili" sono l'irritante proposta di qualcuno che sembra non abbia mai usato una bici nella capitale.
Dott. Tedesco, perché non si mette in contatto con me e insieme ci andiamo a fare un giretto sulle ciclabili romane dove posteggiano le auto, costruite a filo di arterie a grande scorrimento (e altrettanto grande inquinamento)? O cerchiamo un viale largo a sufficienza per poter pedalare in sicurezza?
Forse dopo questa esperienza potrebbere scrivere un nuovo articolo, intitolato però non più "Sprto in città - via dai veleni" ma "manuale di sopravvivenza urbana, ovvero cosa significhi andare in bici in città e cercare di salvare la pelle"!

Commenti

luca ha detto…
Hai pienamente ragione: neanche la migliore mascherina risolve completamente il problema (devi scegliere tra l'enfisema da sforzo e l'intossicazione).

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

25 Aprile 2017 nel XII municipio di Roma

Il 25 Aprile si sono tenute nel quartiere Bravetta di Roma due celebrazioni per la festa della Liberazione dal nazifascismo.
La prima, all'incrocio fra via della Pisana e via di Bravetta, dove è posta una stele in memoria dei caduti del quartiere. La seconda nel Parco dei martiri di Forte Bravetta, dove furono trucidati decine di romane e romani fra l'ottobre 1943 e il giugno del 1944. Qui le foto delle due manifestazioni.



Durante la celebrazione a Forte Bravetta Ernesto Bassignano, cantautore, giornalista e conduttore radiofonico, ha intonato alcuni canti della resistenza.



A Forte Bravetta ha partecipato, senza peraltro pronunciare alcun discorso ufficiale, il presidente del Partito Democratico, Matteo Orfini.