Passa ai contenuti principali

Gianni Alemanno sindaco di Roma

Non ce la faccio a commentare questa realtà.

Però posso ricordare...
Questa persona negli anni '70 , quando entrambi eravamo giovani liceali (siamo coetanei), militava in gruppi "politici" noti per la capacità di affrontare i problemi con le maniere spicce (la legge della catena). Le calate dalla sezione MSI di Balduina, le cacce all'uomo che partivano da via Assarotti erano drammatiche, improvvise come le folate del vento, e si lasciavano dietro scie di teste rotte. Furono anni bui, di piombo qualcuno ha detto, si pestava da una parte e dall'altra, senza vinti né vincitori, senza che qualcuno avesse più ragione dell'altro, ma si "menava", ammazza se si si menava!
Io per 5 anni entrai a scuola fra 2 schiere di poliziotti in assetto antisommossa. Non parlo per metafora: per 5 anni, tutti i giorni di scuola in un liceo pubblico nel centro della capitale, i poliziotti erano schierati nell'ingresso dell'istituto (sì, dentro l'atrio) per evitare (e non sempre ci riuscivano) pestaggi e risse. E allora la caccia allo studente si disperdeva nei vicoli: via Giulia, via dei Banchi Vecchi, via di Monserrato, fino a piazza Farnese. Bastava indossare un abito sbagliato (un eskimo, un paio di clark) o avere a tracolla la borsa di Tolfa, che si rischiava di essere pestati a sangue da figuri con un casco in testa e un foulard sulla faccia. Guai ad andare in giro da solo. Non occorreva essere noti o schedati: non importava se eri maschio o femmina: la legge della catena non prevedeva sconti per nessuno. Era una lotta per il controllo del territorio, una lotta di provocazioni e prevaricazioni che agitava, lacerava, devastava le coscienze di giovani che in quegli anni si stavano formando. E ogni tanto qualcuno cadeva ammazzato: una sprangata in testa, un colpo di pistola, una coltellata, un rogo, e quei ragazzi che oggi sono solo dei nomi, in un istante diventavano cadaveri sull'asfalto. E allora via, altre manifestazioni, altro odio, altro sangue. Altri slogan... "...il nostro onore si chiama fedeltà", e io mi chiedevo a che cosa fossero fedeli questi figuri.
Ecco, venerdì, mentre riflettevo sul piazzale delle fosse ardeatine, mi tornavano in mente quelle facce, quelle corse, quelle urla, quegli slogan. E siccome la vita è fatta di scelte, io scelsi, 30 anni fa, pensando che il mio paese non avrebbe mai dovuto sopportare più gli orrori vissuti nel periodo fra le due guerre mondiali.
E siccome la vita è fatta di scelte, io scelsi allora, e confermo oggi: ora e sempre resistenza!

Commenti

Anonimo ha detto…
Sembra impossibile che si concretizzino situazioni simili a quella di cui parli, ma non è così. Oltre 2000 anni fa il salmista scriveva, in chiusura del salmo 11 (12): " Mentre gli empi si aggirano intorno, emergono i peggiori tra gli uomini." Naturalmente sono solo parole del salmista che consegna la sua riflessione agli uomini di ogni tempo,forse anche del nostro tempo, visto che succede.Antonio

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …