Passa ai contenuti principali

ATO & STA

ATO e STA, nomi d'arte di due tredicenni anni romani che, zainetto in spalla, si allenano ad usare le vernici spray su tristi muri scrostati di alcuni capannoni abbandonati. Li incrocio un pomeriggio sul lato della pista ciclabile tevere nord, mi incuriosisco e mi fermo.Il territorio intorno è triste, discariche a cielo aperto, insediamenti abusivi nascosti sotto le fratte sul greto del fiume, la linea ferroviaria locale con stazioni che oggi sono conosciute in tutta Italia per i fatti di cronaca che vi sono accaduti. I ciclisti passano velocemente, senza alzare lo sguardo dal percorso, chiusi nei pensieri e nel timore di qualche incontro potenzialmente spiacevole.

Loro due però sono cordiali, aperti, sorridenti, direi incoscienti di quanto "brutto" li circondi. Non scappano quando mi fermo, scendo dalla bici e li avvicino per chiedere loro se sono disponibili a farsi fotografare. Anzi, ATO risponde immediatamente "che fico", e si rimette all'opera. Mi dice però che il "graffito" del giorno precedente è più bello e perciò vuole essere fotografato mentre rifinisce il suo capolavoro, che è anche il suo logo.
STA invece è silenzioso, concentrato sulle bombolette e sul muro, non cerca la posa ad effetto, vuole farsi vedere grande, disinteressato alla macchina fotografica, anche se la curiosità dei tredici anni lo tradisce e lo pizzico un paio di volte a guardarmi da sotto il braccio che impugna lo spray.
Provo ad usare un gergo da giovane, ma mi accorgo subito che è da giovane degli anni '70, perché non mi capiscono:
"le bombolette le avete zottate?"
"Scusi, in che senso?"
"Nel senso che le avete fregate in qualche ferramenta?"
"Non tutte" è la risposta secca, con un tono che indica la poca volontà di approfondire il tema.
Gli chiedo un indirizzo di posta elettronica per mandargli le foto: me ne danno uno che si rivelerà poi fasullo. Meno male, almeno un po' di prudenza.
L'ultima domanda: "ma che, 'ste foto poi le pubblica su un giornale?"
"Non credo, mi servono per un blog"
"Che fico", e si rimettono al lavoro concentrati e assorti come se, invece di essere nella terra di nessuno della periferia romana, stessero completando gli affreschi della cappella sistina.

Commenti

Anonimo ha detto…
A proposito di linguaggio giovanile.......Lo sai cosa vuol dire shipping...alternativa allo shopping????!!!!!!!!!!!

MAP
magociclo ha detto…
trasportare le merci via mare?
oppure rubare con destrezza la borsetta ad una signora?

magociclo
Anonimo ha detto…
no vuole dire andare in un negozio provare ed indossare capi ed uscire senza passare alla cassa!!!!!!..

MAP
magociclo ha detto…
Perfetto! In linea con gli insegnamenti subliminali dei nuovi Comandanti B! Guardo, provo, prendo quello che mi piace (dal negozio o dal paese fa lo stesso)e me ne vado indisturbato. e se qualcuno prova a fermarmi o a chiedermi ragione del comportamento, gli facciamo fare un test psicoattitudinale!

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …