Passa ai contenuti principali

23 aprile 1979

Oggi è il 29° anniversario della nostra (mia e di Marco) partenza per il servizio militare. Io destinato all'arma dei bersaglieri, Marco all'artiglieria. Ci aspettavano 5 mesi di corso durissimo, con ore e ore di studio, allenamento fisico, addestramento militare, turni continui di guardia e servizi. E poi altri 10 mesi (io in Liguria, Marco in Emilia) di servizio operativo, alle prese con situazioni sempre nuove, a contatto quotidiano con le armi, con persone di ogni età ed ogni ceto sociale, con il bisogno di definire ed affermare un nostro nuovo ruolo nell'ambiente in cui eravamo stati catapultati. La nostra vita stava per cambiare radicalmente, e ce ne rendevamo conto. Sapevamo che comunque sarebbe andata saremmo tornati, dopo 15 mesi, radicalmente cambiati. Lasciavamo alle spalle studi singhiozzanti, vite tranquille, amici, interessi personali. Dopo 15 mesi quei due ragazzi non ci sarebbero stati più, nel bene e nel male. Sarebbero tornati, a luglio del 1980, due uomini consapevoli che la fase della spensieratezza era passata e che bisognava buttarsi a testa bassa nell'impegno della vita.

Commenti

cormarco ha detto…
Come non essere daccordo. Quell'esperienza ci è servita tantissimo, non, ovviamente l'aspetto militare, ma il vivere fuori di casa, il doversi arrangiare sa soli, il fronteggiare realtà e persone completamente diverse dal nostro normale. E, proprio per questo, capire finalmente la fortuna che avevamo di poter studiare tranquillamente, l'appoggio fondamentale della famiglia e anche la fortuna di abitare a Roma, dove almeno, nel bene o nel male, accadono cose (avete mai sentito parlare di Cremona sui giornali?). In definitiva, è stato un periodo, che ci ha dato la spinta all'impegno nello studio e nella vita (anche se ci siamo divertiti anche dopo): non proprio anni buttati.

Ripassatina alla geografia Mago: Cremona è, anche se per poco, in Lombardia.
Acer ha detto…
Sì sì, tutto vero...
...sei cambiato un sacco, infatti quando sei tornato non correvi più i 100 metri in dodici secondi come quando sei partito !
Acer ha detto…
...e comunque in tutto il mondo i bersaglieri sono famosi perchè corrono, e tu puoi vantarti di essere stato al comando di un plotone che 'passeggiava' (guarda anche quelli dietro!)
magociclo ha detto…
Tranquillo, ho corso, quanto ho corso!! purtroppo però le foto di quando correvo non le ho: andavamo troppo veloci per essere ripresi. Quella pubblicata è la foto di un plotone di oltre 100 reclute che difficilmente avrebbero potuto correre in quell'angusto cortile. Però forse a casa dei miei c'è una vecchia copia del Corriere della Sera con una foto in cui mi si vede correre in divisa da bersagliere all'Arena di Milano. E poi ricordo il cartello che proprio 29 anni fa mi accolse in caserma: automezzi al passo, bersaglieri di corsa! e mai avviso fu più calzante. Però per i ricordi della vita militare è ancora presto, li riservo per quando sarò in pensione.
cormarco ha detto…
Questa te la sei proprio tirata:
MO' T'ARRIVA LA PENSIONE!
Ciao

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …