Passa ai contenuti principali

I comandanti B e il rispetto della legge

L'Economist di questa settimana propone una riflessione interessante:
"...Mr Bossi's rhetorical excesses are legend and are usually discounted, but like Mr Berlusconi's, they send a subliminal message of indifference to Italian laws."

In effetti non ci avevo pensato: minacciare di usare i fucili, giustificare chi elude/evade tasse troppo onerose, elogiare il pregiudicato Mangano, insinuare il dubbio sulla capacità del capo dello stato di essere super partes, sono tutte azioni singole che hanno solo l'effetto di irritare gli avversari politici e lasciare indifferenti i propri sostenitori. Ma quando queste affermazioni diventano cicliche, costanti, hanno un altro profondo effetto. Insinuano nel popolo il convincimento che la legge è una guida, un'indicazione, che può essere accolta o respinta, in base al principio della sovranità del proprio interesse e della propria libertà E infatti come si chiama il movimento politico che ha vinto le elezioni? Popolo delle libertà, libertà di interpretare e applicare individualmente la legge secondo la propria convenienza. E se qulache sfrontato magistrato volesse proprio approfondire l'argomento, ecco, gli facciamo il test psico attitudinale.

Commenti

cormarco ha detto…
Coraggio Mago, consoliamoci con questo vento fresco, (non porterà sempre cattive notizie), con questo sole mezzo-mezzo e con quest'aria pulita (solo l'aria). Da un punto di vista meglio così che un'altro 1-1. Ora, forse, tra miriadi di leggi ad personam e altre porcherie, per puro caso potrebbero pure imbroccarne una buona. Perchè questi decidono e fanno e forse, specialmente in questo periodo, è meglio fare qualcosa che essere rimanere imbalsamati pressati da opposte richieste.
Sursum corda
magociclo ha detto…
Negativo, questa logica non mi convince. Ovviamente parlo per esperienze del passato, ma la parte oggi vincente si è già dimostrata attiva ed efficace nello spolpare lo stato, predisporre leggi ad personam, affossare scuola e sanità pubbliche (a vantaggio dei privati) e svillaneggiare l'immagine internazionale del Paese, portandola ad un livello di macchietta da avanspettacolo che tanto piace ai tabloid anglossassoni e che altrettanto irrita i governanti degli altripaesi.
Tralascio il tentativo (fortunamente sventato con un referendum popolare)di sventrare la carta costituzionale, ma come non ricordare il fuoco di sbarramento contro le proposte di regolamentare il sistema televiso ed il conflitto di interessi?
Insomma, non vedo spazi e motivi per non essere seriamente preoccupato.

magociclo
cormarco ha detto…
Sono ovviamente preoccupato quanto te. Il mio era solo un tentativo, fatto peraltro con poca convinzione, di trovare un pizzico di positività in un quadro francamente poco edificante.
Anonimo ha detto…
viene voglia di fare le valigie e cambiare paese; quello che fa + impressione è accorgersi di essere circondati da persone che ritenevi pensassero come te, con ideali di solidarietà e fratellanza e invece non è vero niente,hanno votato per il "tutto e subito,e se ti posso fregare è meglio"...
coraggio!, democrazia, fin che c'è, significa anche accettare il voto della maggioranza degli italiani...
ciao. lucia

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto