Passa ai contenuti principali

What do you mean by "place"?

Fine agosto, treno Intercity 581 Roma-Napoli. Nello scompartimento da sei posti ci sono un giovane romano, capelli lunghi, IPod nelle orecchie e aria stravaccata, una famiglia napoletana di tre persone e due ragazze straniere di circa 25 anni, pelle bianca, nasino all'insù, aria saccente.

Fermata di Formia. Entrano nello scompartimento due signore "robuste", dall'accento marcatamente campano e dai modi spicci, diciamo pure con affetto, due popolane veraci. Hanno in mano un cartoncino con l'indicazione dei posti prenotati nella tratta Formia-Napoli in quello scompartimento. Chi si deve alzare e cedere il posto? I quattro italiani si guardano con atteggiamento complice e manifestano sublime indifferenza al problema: loro sono tutti e quattro regolarmente prenotati. Dodici occhi si concentrano brucianti sulle straniere, che però a loro volta manifestano indifferenza, barricandosi dietro un ripetuto "sorry, I'm british, I don't speak italian". Il giovane romano fa appello a tutte le sue risorse fisiche e mentali e con un tono di sufficienza borbotta loro "did you book the place?". Una delle due inglesine, con espressione attonita, smarrita, lo guarda e poi replica "What do you mean by "place? Do you mean "seat"?". Giusto, il momento è adatto per una dissertazione semantica sulla differenza, in british english, fra "place" e "seat". Fermiamo l'approfondimento della questione, sembrano dire, e impariamo ad usare con proprietà le parole inglesi. Peccato però che il ragazzo romano abbia esaurito la sua carica di energie e di buona volontà. Si accascia sul sedile e ricade nella narcosi da IPod, lasciando le due inglesine al loro destino infausto. Le 2 popolane, che davanti alla lingua straniera si erano rispettosamente fermate, capiscono tutto al volo e agiscono di conseguenza: la strada per il posto adesso è sgombra da equivoci.

Il treno parte in orario, come nella migliore delle tradizioni britanniche e tutti i prenotati sono seduti al loro posto. Fuori da uno scompartimento, due giovani inglesine cercano di rimettere in ordine i bagagli sparpagliati lungo 20 metri di corridoio domandandosi stupite ed offese perché mai avrebbero dovuto prenotare un "place" sul treno! Come sono bizzarri questi italiani!!

Commenti

ZioAcer ha detto…
...avrei voluto vedere le due inglesine a chiedere la strada per P-O-L-E-R-O-N-E o a ordinare la colazione. Secondo me sarebbero rimaste smarrite e digiune.
'Posto' si dice 'place' e basta!
yban ha detto…
l'importante è che si siano messe nel right place

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …