Passa ai contenuti principali

Commercio itinerante 2 - l'attimo fuggente

La scala mobile si avventura nella galleria per iniziare la scalata della gola nera del colle, le luci sono, come sempre, rigorosamente accese al 30% (cioè, ne funziona solo una su tre) e si vede poco o niente. La puzza è il solito mischio di sudicio consolidato sui muri, grasso industriale, treno, cani. Tre metri davanti a me un signore sulla quarantina, giacca chiara tenuta con il dito a gancio dietro le spalle, e poi nessun altro in giro. Dal lato della galleria verso cui siamo diretti arriva un vocio confuso, che aumenta d'intensità molto velocemente. La salita è finita e la scala mobile cede il passo ad un lungo tapis roulant. Laggiù in fondo, preceduta da urla concitate, si vede una coppia di persone che scappa con dei fagotti sulle spalle: assistiamo alla solita retata contro l'abusivismo. Il primo dei due giovani africani in fuga corre sul tapis roulant e sembra volare, l'altro invece caracolla lungo lo stretto corridoio che affianca il mancorrente, e quindi è molto più lento. Gli andiamo incontro senza fatica, spinti dalla via meccanica. Sulle spalle porta un fagotto mentre con la mano sostiene una tavoletta di legno su cui sono fissati alla "bellemmeglio" alcuni orologi. Il signore davanti a me si riscuote dal torpore indotto dal dondolio del sentiero meccanico che ci trascina e fissa la tavoletta. Ormai il fuggitivo è quasi alla nostra altezza. Giù in fondo si intravedono alcune persone in uniforme che, molto più lentamente di quelli che scappano, si accingono a percorrere il lungo corridoio. Il signore all'improvviso si rivolge al fuggitivo: "quanto lo fai quel Rolex?" indicando con un dito una delle patacche fissate sulla tavoletta. Sorrido fra me e me, mi dico "ma ti pare che questo, con le guardie alle calcagne, mo' gli dice quanto vuole per l'orologio?".

Niente affatto invece: il giovane africano si ferma di botto, inverte il senso di marcia (per spiegare, si ferma, si gira ed inizia a camminare a fianco del signore, alla velocità del tapis roulant, nella direzione da cui proveniva, andando incontro ai vigili che lo stanno inseguendo!) e con indice e medio alzati fa capire un "2". E' un istante: il signore tira fuori dalla tasca dei foglietti spiegazzati, seleziona una banconota celeste da 20 euro, la porge all'africano che, altrettanto velocemente sfila il "Rolex" dalla tavoletta e lo passa al di là del mancorrente. Tempo necessario per la trattativa, la stipula del contratto e lo scambio prezzo/merce: forse 3 secondi.

Nuova inversione di marcia e l'africano riparte, caracollando sotto il peso della mercanzia, verso l'uscita.

Incrociamo sul tapis roulant che va nel senso opposto al nostro tre vigili urbani, sulla cinquantina, la pancia prominente valorizzata nella sua rotondità dalla camicia di taglia insufficiente a contenerla, i capelli di ordinanza, grigi, lunghi, a ciocche scomposte sul collo (la tipica acconciatura "alla vigile urbano"). Arrivano alla nostra altezza e uno di loro, cercando comprensione nei nostri sguardi, bofonchia "ma come je va a questi de córe...co' 'sto caldo!"

Io abbozzo un sorriso spento, di circostanza, il signore invece non può: sta regolando l'ora del suo nuovo orologio!

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …