Passa ai contenuti principali

Vesuvio killer? E noi facciamo il rito antimalocchio!

Il numero di settembre 2007 di National Geographic Italia lancia un allarme agghiacciante: il Vesuvio potrebbe presto tornare alla fase attiva, mettendo in pericolo la vita di 3 milioni di persone. La notizia si basa sull'incrocio fra la possibilità estrema prevista da uno studio di alcuni vulcanologi italiani e le misure di protezione previste dal piano di evacuazione, che prevede lo sgombero di 600.000 abitanti della zona vesuviana ma trascura di mettere in salvo gli abitanti di Napoli. La sintesi della rivista è che se il vulcano eruttasse con la stessa potenza manifestata 3.780 anni fa, quando fu distrutta la città che si trovava dove ora sorge Avellino, le misure di emergenza sarebbero insufficienti e la popolazione di un'ampia zona della Campania sarebbe annientata.
Come si vede, tutto molto serio.
E come rispondono le autorità italiane? «Non facciamo allarmismi». Dalla Protezione Civile rassicurano: «Il vulcano è monitorato, non ci sono segnali che facciano pensare a un'eruzione vicina. C'è una probabilità dell'1% che si verifichi un'eruzione pliniana come quella di Avellino. Per questo, per elaborare il piano, ne è stata scelta una subpliniana come quella del 1631», spiega Titti Postiglione, del Dipartimento della protezione civile.
Quindi viene confermato quello che afferma National Geographic: se dovesse verificarsi nuovamente un'eruzione come quella "avelliniana", l'intera area campana sarebbe a rischio di distruzione. In altre parole, speriamo (che parola agghiacciante, detta da uno scienziato) che non avvenga o che avvenga fra molto tempo!!
«In ogni caso — aggiunge Giulio Zuccaro, direttore del centro studi Plinius — per Napoli il rischio non è quello immediato di piogge piroclastiche ma di cenere. L'evacuazione può essere in questo caso più lenta e programmata in base ai venti».
Splendido! Immagino allora che le strade di Napoli saranno dotate di manicotti a vento per verificare la direzione del maestrale o del libeccio e decidere dove mandare gli sfollati in caso di eruzione!!
Gli "specialisti campani" ci dicono anche che il piano di evacuazione esaminato da NG è superato e che ora ne è stato preparato uno nuovo (di cui però la comunità scientifica internazionale non ha traccia e che non è mai stato oggetto di prove o simulazioni sul territorio) che prevede lo sgombero del territorio in 3 giorni anziché in 6, come previsto nel piano precedente. E come si realizza questo miracolo? aggiungendo ai mezzi di evacuazione pubblici anche quelli privati. Come dire: ognuno si prende la sua macchina, la carica, fa il pieno, visto che c'è controlla anche le gomme, e poi se ne va. Dove? Che domande, questi non sono problemi scientifici, devono essere affrontati dall'autorità politica.
A questo punto mi domando: ma parliamo delle stesse autorità politiche che in Campania non sanno risolvere nemmeno il problema quotidiano dell'immondizia?
Ma la parte più interessante delle dichiarazioni delle autorità regionali è quella finale: "... non e' il caso di seminare panico, che puo' solo generare fenomeni di paura ingiustificata e rischi inutili". Insomma, basta con gli iettatori!! E anzi, propongo di organizzare nei prossimi giorni un rito collettivo scaramantico a base di corni di corallo, gobbetti, ferri di cavallo e giaculatorie del genere "aglie e fravaglie fattura che non quaglia, capa 'e alice e capa d'aglie".
E diciamo anche basta una volta per tutte a queste riviste scientifiche che vogliono sempre mettere in difficoltà il nostro meridione!

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …