Passa ai contenuti principali

What time is it?

Mettiamo che mi venga voglia di fare un viaggio negli Stati Uniti, magari a Las Vegas, in Nevada, o a Los Angeles, in California, e che, stordito dal cambio di fuso orario con l'Europa, non sappia più bene che ore siano. Che faccio? semplice, vado in una cabina telefonica pubblica, inserisco il "coin", compongo il numerino che ho scritto su una tessera AT&T e... "Sorry, we apologize, the requested service is not available. Please, contact an operator for further informations".
Ma che succede? Succede che dal prossimo 19 settembre anche in Nevada e California verrà soppresso il vecchio, caro servizio dell'ora esatta telefonica. Questo servizio, nato negli Stati Uniti intorno al 1920, va in soffitta. L'At&t ha deciso di eliminarlo. Quando nacque negli States il servizio dell'ora esatta c'erano operatori in carne e ossa che leggevano l'ora da orologi montati sul muro, finché un decennio più tardi una società di Atlanta chiamata Audichron non inventò un metodo per automatizzare il sistema. «I tempi cambiano - ha dichiarato il portavoce di At&t- nel mondo di oggi ci sono mille altri modi per sapere l'ora, non c'è più bisogno di usare il telefono». Il servizio dell'ora esatta era sopravvissuto negli USA in solo due stati: California e Nevada. In California sarà cancellato il 19 settembre, in Nevada resterà attivo per qualche tempo, ma solo finché le apparecchiature che lo consentono non finiranno per rompersi. Il vantaggio per la At&t è che, abolendo il numero collegato al prefisso dell'ora esatta, sarà possibile offrire il telefono a 300 mila nuovi utenti soltanto in California. Peccato, l'idea che qualcuno potesse darmi negli USA l'ora esatta mi offriva un senso di (illusoria) protezione. Vorrà dire che il viaggio lo farò da un'altra parte!!

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

25 Aprile 2017 nel XII municipio di Roma

Il 25 Aprile si sono tenute nel quartiere Bravetta di Roma due celebrazioni per la festa della Liberazione dal nazifascismo.
La prima, all'incrocio fra via della Pisana e via di Bravetta, dove è posta una stele in memoria dei caduti del quartiere. La seconda nel Parco dei martiri di Forte Bravetta, dove furono trucidati decine di romane e romani fra l'ottobre 1943 e il giugno del 1944. Qui le foto delle due manifestazioni.



Durante la celebrazione a Forte Bravetta Ernesto Bassignano, cantautore, giornalista e conduttore radiofonico, ha intonato alcuni canti della resistenza.



A Forte Bravetta ha partecipato, senza peraltro pronunciare alcun discorso ufficiale, il presidente del Partito Democratico, Matteo Orfini.