Passa ai contenuti principali

“La cacca: storia naturale dell’innominabile”

Qualcuno penserà: magociclo è impazzito. E invece no, a volte la realtà supera anche la follia di magociclo. Non ci credi? e allora clicca su questo link http://www.mtsn.tn.it/ e leggerai che al Museo Tridentino di Scienze Naturali oggi si inaugura la mostra "La cacca, storia naturale dell'innominabile." La mostra viene così descritta: "Una divertente avventura interattiva alla scoperta di ciò che tutti fanno ma di cui pochi parlano. La mostra affronta gli aspetti più curiosi della cacca nel mondo animale dal punto di vista fisiologico, naturalistico ed ecologico." Rimarrà nelle sale del museo fino al prossimo 28 marzo.


Oggi alle ore 17.00, l’inaugurazione alla quale sono invitati tutti, bambini, ragazzi e famiglie. Dopo aver visitato la mostra e gustato una prelibatissima merenda al gusto di cioccolato (!!!), si potrà assistere ad un divertente spettacolo tal titolo “Uno strano viaggio tra la cacca…” presentato dall’Associazione Teatro “Dinvenzione”, di e con Luana Cabibbo.

La cartella stampa della manifestazione cita le parole del direttore del museo, Michele Lanzinger: “La mostra” – dice Lanzinger - “utilizza la cacca nel mondo animale come gioco per i più piccini, per parlare di ecologia. L’intento è quello di trovare la giusta collocazione scientifica nell’ambito naturale a questo “poco nobile” materiale con il quale gli animali concludono i loro processi digestivi, indagandone le differenze tra specie e specie, le correlazioni con la dieta e lo stile di vita, i possibili significati ed utilizzi alternativi che vadano al di là della sua dimensione di rifiuto organico.”

“La mostra trova confronti con esperienze museologiche internazionali e con l'ampia letteratura sulle “cose schifose” utilizzate per incuriosire l’infanzia. Rivolta in primis ad un pubblico di bambini e ragazzi, l’esposizione è percorribile anche da un pubblico di adulti che vogliano accompagnarsi ai giovani visitatori e visitarla con infantile stupore.”

La parola passa quindi allo zoologo Osvaldo Negra, che illustra gli aspetti comportamentali ed i vari utilizzi degli escrementi da parte di svariati animali. “Gli escrementi sono materiale organico estremamente ricco di informazioni su chi lo ha prodotto: normale quindi attendersi che gli animali ne facciano un uso comunicativo. D’altro canto nelle feci sono contenute anche numerose sostanze che, per quanto inutili per il “produttore” possono venir utilizzati da altri organismi e quindi anche la “cacca” è soggetta a “riciclaggio biologico.”

Si conclude con la presentazione del percorso espositivo e delle attività correlate a cura di Samuela Caliari, responsabile della sezione eventi del Museo. A completamento della mostra, oltre alle visite guidate per scuole e gruppi (minimo 13 partecipanti) effettuate su prenotazione e differenziate per livello di età delle, sono proposti una serie di appuntamenti che prevedono attività adatte ai bambini e ragazzi dai 4 ai 12 anni: cacce al “tesoro”, giochi, letture animate, animazioni con merenda.



Info per chi fosse interessato a verificare di persona:
mostra interattiva "la cacca: storia naturale dell'innominabile una mostra per bambini e ragazzi curiosi". Trento, 29 febbraio - 28 marzo 2008, Museo Tridentino di Scienze Naturali, Via Calepina 14

inaugurazione giovedì 28 febbraio 2008 ore 17.00
Catalogo illustrato!!!: editoriale scienza, p. 64, € 13,90
ORARIO:
martedì - domenica h. 10 - 18
chiuso i lunedì non festivi (aperto 24 marzo)

TARIFFE INGRESSO:
intera: € 2,50
ridotta: € 1,50

Commenti

cormarco ha detto…
Finalmente un passo decisivo verso l'identità nazionale. Così come recentemente ha sentenziato il Pippone nazionale.

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …