Passa ai contenuti principali

Abdul Saboor, bike messenger afgano

Si sa, i blogger sono curiosi, leggono gli altri blog, postano commenti ovunque capiti loro l'occasione, costruiscono (e altrettanto velocemente distruggono) ampie reti di contatti. Recentemente, proprio gironzolando fra blog, ho trovato un post interessante, dedicato ai bike messenger (d'ora in avanti "BM"), quei personaggi, di solito giovani atletici, che consegnano porta a porta plichi e piccoli pacchi, spostandosi velocemente in città con la bicicletta. Mi si dirà: ma che differenza c'è fra i BM e il nostro caro vecchio postino che consegnava le lettere muovendosi con la bici ? Secondo me, a parte la velocità (a volte folle dei BM) non ci sono molte differenze, ma il termine è di conio americano e la mitologia della figura nasce proprio in città come New York o San Francisco.
Eppure ho letto la storia di un BM davvero particolare, Abdul Saboor, 35 anni, di Kabul. La particolarità di Saboor è quella di essere rimasto 13 anni fa con una sola gamba, perché l'altra gli fu amputata dopo essere stata maciullata da una bomba nascosta nel terreno. Oggi Saboor fa il BM, insieme ad altri 14 colleghi, per una piccola agenzia della capitale afgana, in uno dei paesi più poveri del mondo, dove la disoccupazione raggiunge una media del 40%. Non usa protesi al carbonio (come l'atleta Pistorius), anzi non ne usa affatto: quando cammina usa una stampella di legno, quando pedala lo fa con una gamba sola.

Guadagna non più di 16 dollari al mese, cui se ne aggiungono altri 10 che riceve come indennità per l'invalidità. L'agenzia fu fondata alcuni anni fa da una ONG, costretta poi però a lasciare il paese. Oggi il lavoro di Saboor è a rischio perché i finanziamenti della ONG sono finiti, i clienti sono pochi e nelle casse dell'agenzia non ci sono più nemmeno i soldi per pagare l'affitto del misero locale dove ha sede l'ufficio. I pochi dollari che Saboor guadagna potrebbero perciò presto sparire e lui essere costretto a trovarsi un altro lavoro, perché di vivere di carità non vuol sentirne nemmeno parlare.

E allora, fra qualche anno, resterà solo un ricordo, un'immagine, di quell'uomo che nella polvere delle strade di Kabul, avanzava faticosamente in bicicletta pedalando con una gamba sola, ma con lo sguardo fiero e la testa alta, rivolta verso il futuro.

(Questa è una storia vera, ripresa da un reportage del NYT)

Commenti

Anonimo ha detto…
La vita di Saboor e' uno dei piu' bei post che ho letto sul tuo Blog!...Grazie

MAP

PS Comunque i BM che girano per Londra sono pirati della strada a tutti gli effetti!!!

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto