Passa ai contenuti principali

Fuorirotta

Emilio Rigatti ha 53 anni, è nato a Gorizia ed è un professore. Però da qualche anno è finito "fuorirotta". Deve portare i suoi studenti di 3a media in gita a Ferrara? Va bene, ma in bici. Deve andare da Trieste ad Istanbul? che problema c'è: si sceglie un compagno di viaggio, si monta sul sellino di una bici e si parte. E poi questo viaggio lo ha anche raccontato in un libro ("La strada per Istanbul") che ha vinto il premio Albatros 2002 per la lettaratura di viaggio. A questo punto Emilio dovrebbe essere stato contento ed appagato. Avrebbe potuto continuare ad andare alla sua scuola in bici, percorrendo i quotidiani 40 chilometri e divertendosi a raccontare di quando bucò la ruota anteriore nel mezzo dei Balcani.
Macché!
Deve andare da Ruda (in provincia di Udine, dove vive) a Gambarie (in Aspromonte)? Indossa il caschetto, ne mette uno anche in testa al figlio di 12 anni, montano sulle bici e partono. E percorrono 2000 km da mare a mare, fuori rotta, appunto, lontano dalle strade veloci o da cartolina illustrata, con calma, pensando, parlando, come ci racconta in questa bella intervista , con le persone, riabituando i cinque sensi alle emozioni di un viaggio. E così ha trovato paesi dimenticati, piatti tipici, monumenti fantasma, inconvenienti di viaggio, attacchi di cani, calure libiche, smarrimenti spirituali e cartografici. E soprattutto persone, incontri sempre più caldi quanto più andava verso il Sud.
E si vede che Emilio ad andar in bici, e a scrivere di questo andare, ci ha preso gusto, perchè da qualche giorno è in libreria il racconto di questo viaggio: "Italia fuorirotta. Viaggio a pedali lungo la Penisola del tesoro", edizioni Ediciclo. Attenzione però: dopo aver letto il libro, non dimenticate di mettere il caschetto, la strada è lunga!



Emilio Rigatti «ITALIA FUORIROTTA» Viaggio a pedali lungo la Penisola del tesoro
Prezzo: € 16.50 - Pagine: 320 Illustrazioni a colori
ISBN: 978-88-88829-40-1

Commenti

magociclo ha detto…
Un grazie speciale a Lucia che mi ha segnalato il libro! Mandiii

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto