Passa ai contenuti principali

Si vvoi l'extracommunitari portateli a casa tua!

Sono le 14.00 circa. Fa un caldo cattivo, umido, che ti leva il respiro. L'asfalto di via Condotti sembra lo sportello di un vulcano che rimanda verso le gambe un soffio torrido che avvolge i rari passanti. Gli unici a sembrare indifferenti sono 4 giovani sui 25 anni, alti, belli, atletici, indossano sgargianti camicie a fiori, la loro pelle scura li protegge dal caldo. Sull'asfalto bruciante, sopra 4 teli, sono esposte in bella mostra alcune decine di borse delle grandi firme della moda, i cui show room sfarzosi sono distanti appena pochi metri. Non credo però che si tratti di una stravagante iniziativa promozionale di uno dei suddetti show room per raggiungere fin sulla strada clienti pigri, e deduco quindi che si tratti di uno dei tanti mercatini ambulanti, che vendono falsi made in China. Prezzi bassi, qualità scarsa, insomma, paccottiglia. I 4 giovani senegalesi parlottano fra di loro, sorridono, sono rilassati, per strada non passa quasi nessuno, tranne una coppia di 2 uomini, pantaloni alla caviglia, maglietta elasticizzata, borsello a tracolla, occhiali finti ray ban azzurri, che neanche Califano li porta più, insomma, un po' tamarri. I due ciondolano per via Condotti affiancati, passo indolente...certo che se non sono due coattoni non possono che essere...
E infatti, non sono i 2 coattoni indolenti che sembrano. All'improvviso perdono l'aria disincantata, iniziano a correre verso i 4 ambulanti. Si sente un urlo gutturale in un dialetto ancestrale. I 4 senegalesi capiscono al volo di essere ad un millimetro dal foglio di via per il rimpatrio obbligatorio e con una mossa fulminea (attenzione, qui fulmineo significa davvero a velocità della luce) infilano in ciascuna delle 2 braccia i manici di quante più borse possono e iniziano a volare, quasi non toccano l'asfalto rovente, sparendo nelle viuzze laterali. E' in corso una retata anti abusivismo di non so quale forza dell'ordine. Urla, richiami, imprecazioni e poi, dieci secondi dopo, per aria rimane in sospensione la polvere sollevata nella fuga, per terra i teli e 2 borse che il più giovane degli ambulanti ha perso nella corsa. Stasera le dovrà ripagare al caporale. Un passante raccoglie una delle borse per terra, fa un gesto come per cercare l'ambulante che l'ha persa e restituirgliela. Da dietro una mano gli ferma il braccio e una voce gli ferma il cuore "tu fatti i cazzi tuoi". Una signora si rivolge alla pattuglia sospirando "ma qui (indica con la mano i palazzi del Governo, dall'altro lato di via del Corso) se fregano i migliardi e vvoi annate appresso a 'sti poveretti". La risposta arriva al volo "A signo', si vole l'extracomunitari sii porti a casa sua!!"

Commenti

radiobeba ha detto…
occhei, ora che ti ho letto ti devo linkare! per forza.
Anonimo ha detto…
Basta migrantume

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …