Passa ai contenuti principali

La Haka, il rugby, le convention aziendali...che minestrone!

La sala è buia, siamo un centinaio di persone, inchiodate da un paio d'ore alle sedie da una sequenza di numeri sciorinati dal palco dai colleghi preposti ad officiare il pagano rito dell'annuale Convention aziendale. Il clima è rilassato, forse troppo. L'anno è andato bene, le prospettive sono buone...ma la gente è, come dire, moscia!
Al mio fianco è seduto un signore sulla cinquantina, l'unico in maniche di camicia, senza cravatta. Non lo conosco, strano, chi sarà? Si alzano le luci, il padrone di casa (il mega Direttore) prende un microfono e prova a scuotere i presenti annunciando..."ed ora voglio presentarvi Fabrizioooo... Gae..ta..niel..loooo, direttore sportivo della federazione italiana di rugby!!!". Il signore che mi siede accanto si alza, ecco chi è, il famoso "ospite segreto"! Già, oggi va di moda presentare alle Convention un testimonial, dello spettacolo, dello sport, della cultura. Che cosa mai potrà dirci un rugbista? Già immagino i toni enfatici, i richiami ad allenamenti spossanti e cariche agonistiche da far esplodere. E invece, dopo poche, pacate parole, con un gesto chiede di spegnere le luci in sala e lancia un filmato: pochi istanti per abituare gli occhi al buio e appare la faccia inconfondibile di Tana Umaga, il famoso capitano degli All Blacks, che officia la HAKA. Una collega mi chiede sottovoce "ma tuo figlio gioca a rugby, vero?"
Che sbaglio fa la collega. La mia mente a quella domanda si libera dai vincoli di obbedienza aziendale, si alza, vola e atterra in un prato...l'emozione di vedere un match di rugby...le squadre si salutano...inizia l'azione e un avanti agguanta la palla... vola...via...sempre più veloce...arriva il placcaggio...
Un applauso mi risveglia. Tama Umaga ha terminato la sua danza di guerra, le luci si si riaccendono, ma io sono ancora là, in quel prato, sto guardando questa fuga e questo placcaggio:








Commenti

Acer ha detto…
Ehi, quella foto l'avevo già bloggata io !
Anonimo ha detto…
ciao

e' la prima volta che leggo il tuo blog. Complimenti! Comunque, quando si partecipa ad una Convention, Congresso o altro BISOGNA dico bisogna concentrarsi solo sullo stesso e NON pensare ai figli, sport etc..... Io per esempio mi sarei concentrata sull'Haka!!!!

MAP

ps Ti ho inserito nei preferiti
magociclo ha detto…
@ MAP
Grazie mille per la visita: se mi lasci la YRL del tuo Bolg, vorrei di cuore ricambiarla!! a presto
Magociclo
Anonimo ha detto…
Ciao non ho un blog,

mi diverto a leggere il tuo.

per farti capire chi sono, nel caso ti fosse sfuggito....il "tempo zero" di ricorda qualcosa!!!

MAP
Anonimo ha detto…
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …