Passa ai contenuti principali

Rosso di sera...

Venerdì 19 ottobre, sono circa le cinque del pomeriggio, una voce nei corridoi: "venite venite, la fontana è diventata rossa!!".
A me viene subito in mente la scena di un film supercult, "Nuovo cinema paradiso", quando il burbero Alfredo, cedendo alle richieste della folla e agli occhi imploranti del piccolo Salvatore, gira uno specchietto del proiettore e, dal finestrino della stanza di proiezione lancia le immagini di un film di Totò sulla parete del palazzo di fronte. E dalla piazza si leva la voce strozzata di un paesano "Talìa talìa, 'u cinematografo!! Grazie Alfredooo!"
Ecco, sentire una persona rispettabile che grida nei corridoi di un altrettanto rispettabile ufficio "venite venite, la fontana è diventata rossa!!" mi ha dato lo stesso senso di stupore, meraviglia, quasi di evento soprannaturale che provava il povero paesano innanzi alle immagini del film proiettate sul muro della piazza.


Intanto devo premettere che per noi, abitanti dell'ufficio, la "fontana" è una sola, è quella. Con lei coabitiamo da 30 anni. Con i suoi rumori, le sue bizze, i suoi trasudamenti, con le migliaia di suoi ospiti invadenti e spesso ingombranti, ma anche con le sue magie, come il silenzio che sa regalare nelle gelide mattine d'inverno, all'alba, quando tutta nuda, senza gli scrosci dell'acqua che cade, si offre alle cure di chi si preoccupa di mantenerla pulita, e ci guarda con occhio seccato, di fronte alla nostra attenzione di vicini curiosi e maliziosi, quasi a dirci (io immagino che la fontana parli con la voce di Marisa Merlini: una cadenza romana antica, ormai persa, ed un tono arrochito dalle troppe sigarette) "'a rega', ma cche vvoi? e vedi d'annattene, nun vedi che mme sto a ffa bella ppei turisti?"
E allora subito giù, per vedere questo "miracolo" laico della fontana rossa. Entro nella piazza e..., non ho con me la macchina fotografica, ma chiedo in prestito un telefonino con fotocamera incorporata, per documetare l'incredibile. Ecco cosa vedo:
C'è già un nastro giallo teso per impedire l'accesso alla scale che portano al bordo della fontana. Decine di agenti e funzionari delle forze dell'ordine impazziscono con i telefonini in mano. L'impressione è quella del disorientamento totale, del caos. Nessuno sembra sapere cosa sia successo. I più cinici (i custodi della galleria d'arte che ha l'accesso pochi metri dietro alla fontana) commentano "Ma nun lo vedi, è tutta pubblicità, stanno a ffa' 'n firme", i politicizzati chiedono a voce alta "avete voluto Vertroni? e mmo 'ndo sta? ar cinema sta!! ma nun era mejo che stava qua a guardasse i monumenti?"
L'acqua della fontana, che al momento del mio arrivo era chiusa, viene riaperta e scorre limpida dalle cascatelle. Poi però viene subito richiusa. Non si capisce chi coordini il tutto. Continua l'afflusso di vigili e poliziotti.
Arriva anche, preceduto da una scintillante staffetta di vigili in moto, un camioncino della nettezza urbana. Sembra incredulo di tanto onore e di tanta attenzione e, per darsi un tono, cerca di mantenere la velocità delle moto che lo scortano, ma il serbatoio di acqua che ha sul pianale sbanda vistosamente aggiungendo panico alla tensione in piazza.

Insomma, non si capisce niente. Allora la guardo, guardo la fontana negli occhi, la scruto. Sta là, imbronciata più del solito, tiene lo sguardo lontano. Poi però mi vede, mi riconosce e brusca mi dice "ahò, ma che c'avranno tanto da guardà, pe na vorta che mme sso mmessa 'npo de rossetto...!!"

Commenti

andreamd ha detto…
Magociclo, questa mi sembra la prima delle dieci piaghe d'Egitto, tutta l'acqua del paese fu tramutata in sangue ... con la seconda il paese fu invaso dalle rane. Le altre otto ... beh, lasciamo perdere. Che Iddio ci assista!

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …