Passa ai contenuti principali

La premiazione più divertente del mondo, ovvero come consegnare solo mezza coppa!

Sabato 20 ottobre si è giocata, nello Stade de France di Parigi, la finale della coppa del mondo di rugby, South Africa contro England. Hanno vinto gli "Springbocks" sudafricani, bissando il successo del 1995. La partita non è stata bella: basti dire che non è stata realizzata nemmeno una meta, ma la premiazione è stata uno degli spettacoli più belli di questo 2007.

Tutto inizia al fischio di chiusura dell'incontro. Mentre sul campo le manifestazioni di gioia dei sudafricani si contrappongono alla tristezza degli inglesi, in un locale dello stadio un valente artigiano inizia ad incidere con il bulino, su una placca d'oro posta sul basamento della coppa, il nome della squadra vincitrice . Su questa placca sono già incisi i nomi delle squadre che hanno conquistato la coppa e quindi il nome del vincitore 2007 poteva essere aggiunto solo al termine del match. L'artigiano, per lavorare più comodamente ha smontato la coppa dal basamento, come si vede chiaramente nella foto.


Terminato il lavoro dell'artigiano, la coppa viene portata in campo ed appoggiata sul tavolo della premiazione. Da questo tavolo la solleva il presidente della federazione internazionale rugby, per consegnarla al presidente francese, Sarkozy. Ma... nelle mani di Sarkozy arriva solo metà della coppa. Il basamento, mal sistemato rimane sul tavolino.

Sangue freddo da parte del presidente francese, che non si scompone e consegna a John Smit, capitano del Sudafrica, la "semicoppa".

E la "semicoppa", tale solo nell'oggetto e non nel merito dei sudafricani, giunge sino alle mani del presidente della repubblica sudafricana, Mbeki, che ripetendo i medesimi gesti compiuti da Nelson Mandela nel 1993, la solleva al cielo.

La coppa passa di mano in mano senza che nessuno si scomponga

E dire che i sudafricani la coppa la conoscevano bene, per averla vinta 12 anni fa

quando fu loro consegnata integra!

Per chi fosse curioso, questa è la coppa mondiale di rugby nella sua interezza:

E se il racconto e le foto non vi sono bastate, qui troverete il filmato che riporta l'intera sequenza.

Commenti

cormarco ha detto…
Forse i francesi, visto che ci tenevano tanto, volevano tenersi almeno metà coppa, ha,ha,ha !!
Mammifero Bipede ha detto…
Smucchiando un po' di feed arretrati ho ritrovato questo post, e il motivo per cui non l'ho letto subito è perché ero... in Sudafrica!
Dire che erano su di giri è poco, anche se il rugby è ancora uno sport cui sono affezionati i bianchi, mentre neri e coloured seguono più il football, ma hanno festeggiato tutti.

Comunque non direi che è stata una "brutta partita", non ci sono state mete perché il Sudafrica ha bloccato alla perfezione ogni azione inglese, non li hanno lasciati giocare.
Non mi ricordo che allenatore di calcio diceva che se due squadre brave giocano "la partita perfetta" finisce zero a zero...
:-)

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto