Passa ai contenuti principali

Elezione primarie del Partito Democratico

Innanzitutto mi scuso per i minuti che ti “rubo”, ma sono convinto che le elezioni di domenica 14 ottobre per eleggere il Segretario nazionale del Partito Democratico, i componenti dell’Assemblea Costituente Nazionale del Partito, i componenti delle Assemblee regionali e i Segretari regionali saranno un momento fondamentale per la vita democratica del nostro paese, al quale noi non possiamo mancare.

LA MIA INTENZIONE DI VOTO:
I candidati segretari nazionali sono 5: Adinolfi, Bindi, Gawronski, Letta, Veltroni. Io voterò per Enrico Letta e per le liste a lui collegate.
A questo punto voglio spiegarti il perché della mia scelta: Letta rappresenta in maniera convincente la mia idea di politica come servizio e come punto di mediazione fra le tante esigenze presenti nella società civile, con particolare attenzione alle famiglie, ai giovani, ai disagiati, al mondo del lavoro. È un uomo politico che punta sui contenuti e non sull’apparire. L’ho conosciuto personalmente e, soprattutto, ho conosciuto le persone che lavorano insieme a lui. È un gruppo di uomini e donne che parla di temi concreti, che ascolta le persone e che cerca di risolvere i problemi seguendo una via di rigore, trasparenza, correttezza e coerenza con gli ideali professati.
Maggiori approfondimenti su http://www.enricoletta.it/

PRIMARIE DEL PD: ISTRUZIONI PER L’USO

Ed ora un po’ di notizie tecniche sul voto.


Dove votare:
Innanzitutto, attenzione, queste non sono le elezioni politiche o amministrative, quindi non ti recare nel solito seggio scolastico. I seggi saranno più di diecimila in tutta Italia, ce ne sarà uno anche vicino casa tua.
Cerca il posto dove votare con l’aiuto del sito: http://www.ulivo.it/cgi-bin/adon.cgi?act=doc&doc=101847
Per i residenti nel comune di Roma il link è: http://www.ulivo.it/collegi/comune_002238.html

Quando si vota:
  • domenica 14 ottobre, dalle ore 7.00 alle ore 20.00.

Come si vota:

  • Votano tutti gli elettori, i giovani a partire dai 16 anni di età e gli immigrati con permesso di soggiorno. I giovani di età compresa fra 16 e 18 anni che non hanno ancora mai votato, si recheranno a votare presso il seggio elettorale di appartenenza secondo la propria residenza (basterà verificare votano i familiari conviventi).

  • Non è necessario iscriversi al Partito democratico.

  • Per votare basta versare 1 euro come contributo simbolico.

  • Le liste sono bloccate: non si esprime quindi un voto di preferenza, ma si deve apporre una sola “X” sul rettangolo della lista scelta.

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …