Passa ai contenuti principali

Il Centurione

E' un sabato pomeriggio di novembre, a Roma, in via dei Fori imperiali. Cammino tranquillo in direzione Colosseo, giaccone antipioggia e borsone a tracolla, quando un'immagine mi colpisce: un uomo ha scelto il marciapiede sotto la statua di Giulio Cesare per allestire la sua casa temporanea, con cartoni, teli, buste di plastica. Il contrasto fra la maestosità della statua e la povertà dell'uomo mi colpisce e tiro fuori la macchina fotografica per qualche scatto volante. Avvicino l'occhio al mirino quando avverto la presenza di un oggetto vicino al collo. Mi sposto leggermente, guardo e vedo una spada con la "lama" poggiata sulla mia spalla sinistra. Seguo con l'occhio la linea della spada, salgo lungo il braccio che la impugna e arrivo al "guerriero". Hai presente uno di quei furboni che si vestono da soldato romano per fare la comparsa, a pagamento, nelle foto dei turisti? ecco, proprio lui, uno più o meno così:


Mi guarda, apre un sorriso ammiccante e poi, ritratta la spada, fa con le mani il gesto della foto, come a dire "te la fai una foto con me?".

Faccio lo sguardo seccato e con un tono misto fra il rimprovero e la complicità fra concittadini gli dico, con forte accento romano " elleva 'sta spada che m'empicci!", certo della sua immediata resa. Lui niente, continua a sorridere come se non avessi parlato. Strano, in genere questi personaggi scansano i romani per puntare solo sui turisti, preferibilmente stranieri. Insisto "Aho, m'hai capito? cciò dda fa', lévete!" Niente.

Lampo nel cervello, questo non mi capisce "Ma mme capisci?", gli domando, "da 'ndo vieni?" lo incalzo. Risultato, stesso sorriso ebete ma nessun cenno di comprensione.

M'avvicino, gli stringo il braccio che impugna la spada, lo guardo fisso negli occhi e gli parlo in faccio lentamente "Da do...ve vie..ni?" scandendo ogni sillaba.

Finalmente quel sorriso ebete gli si spegne, capisce che sono indigeno, farfuglia un misto di parole slave e se ne va.

Mi sa che era sì della legione, ma...straniera!

Commenti

cormarco ha detto…
Potevi pure lasciargli un deca, come ho visto fare a una coppia di divertiti turisti giapponesi anche loro con una spada puntata sul collo.
Ma quel centurione era di sicuro uno dei nostri, l'arte non si impara su due piedi.

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …