Passa ai contenuti principali

Congratulation, mr. President

Impossibile non dare un cenno della cerimonia del giuramento di Barack Obama come 44° presidente USA.
Dopo ore di commenti giornalistici in tv, centinaia di articoli, migliaia di commenti sui blog di tutto il mondo, diventa difficile dire qualcosa di originale. Quindi mi limito a fare gli auguri ad Obama e a sottolineare un paio di aspetti che mi hanno colpito nella cerimonia:
La partecipazione di massa al giuramento. A dispetto del mondo virtuale, ieri 2 milioni di persone hanno voluto testimoniare con la presenza fisica la loro aspettativa verso la nuova presidenza. Hanno sfidato il freddo, le distanze, le strette misure di sicurezza per poter dire "c'ero anch'io". E' sembrato quasi un ritorno alle adunata degli anni '60 contro la guerra in Vietnam o contro il razzismo. La differenza è che ieri la presenza non era contro qualcuno o qualcosa, ma a favore di qualcuno, a favore dei valori che Obama sembra incarnare. Ed era presente l'intera nazione, bianchi e coloured, giovani ed anziani, poveri e ricchi. E per Obama credo sia stato un bell'inizio.
La spiritualità, emersa nella preghiera introduttiva e nella benedizione che ha seguito il giuramento, prestato davanti ad una copia del libro dei libri, la Bibbia. Oggi chi nel mondo occidentale professa una fede religiosa, soprattutto se è persona pubblica, lo fa con tanto, troppo rispetto verso chi si proclama ateo, temendo di urtarne la sensibilità. Ieri gli USA hanno mostrato che si può essere laici e chiedere la benedizione di Dio nell'affrontare una grande e difficile prova.
La semplicità che traspirava dalla figura di Obama. Certamente è solo un'impressione, ma Obama mi sembrava il bravo ragazzo che puoi incontrare sull'autobus o al cinema. Mi è sembrato di conoscerlo da sempre, mi ha ispirato un senso di fiducia e speranza. Da qui a prevedere una presidenza di successo, in grado di agire verso orizzonti di pace, di sviluppo sociale ed economico ce ne corre. Però la speranza la dà. Direte: "è tutta una messa in scena. Così come un bravo attore sa suscitare emozioni in un film, Obama sa emozionare usando la sua arma migliore, la retorica, l'arte del parlare."
Sarà, però anch'io voglio levarmi di dosso la scorza di cinismo e provare a credere in quello che oggi, soprattutto a noi italiani sembrano ossimori: politica e fiducia, politica e trasparenza, politica ed etica.
Congratulation, mr. President!

Commenti

Mammifero Bipede ha detto…
Oggi chi nel mondo occidentale professa una fede religiosa, soprattutto se è persona pubblica, lo fa con tanto, troppo rispetto verso chi si proclama ateo, temendo di urtarne la sensibilità.

A me sembra piuttosto che temano di urtare i veri credenti, che gli chiederebbero ragione delle innumerevoli incoerenze tra la fede professata ed i comportamenti reali...
Personalmente, da ateo, mi trovo perfettamente a mio agio coi credenti coerenti(fatte salve alcune questioni "calde", sulle quali ci si confronta apertamente), purtroppo l'italia è piena di baciapile opportunisti ed ipocriti.
:-/

Ciao Mago, il tuo feed di una settimana intera mi si è sbloccato stasera, altrimenti avrei commentato prima.

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …