Passa ai contenuti principali

CICATRICI

Concentrati 1 attimo e pensa a quante cicatrici hai sul tuo corpo. Alcune piccole, altre forse più lunghe, alcune ti accompagnano dall'infanzia, altre più recenti, ricordo definitivo di cadute, incidenti, interventi chirurgici.
Riflettici un secondo: che ricordi ti hanno lasciato dentro queste cicatrici? cosa rappresentano per te?
Sabato pomeriggio ho avuto la possibilità di riflettere sulle mie cicatrici (del corpo e dell'animo) durante l'anteprima di un cortometraggio dal titolo, appunto, "CICATRICI" prodotto dalla Infinity Entertainment, che sarà presentato prossimamente in alcuni concorsi internazionali.

La trama è semplice: due ragazzotti balordi della periferia romana, Alex e Marcello, progettano il salto nel giro grosso della malavita passando da pestaggi, furti, spaccio, a più fruttuose rapine. Discutono di questo in uno squallido giardinetto, mentre su una panchina vicina a loro un vecchio sembra addormentato sotto i raggi del sole. Il vecchio però si scuote alle loro parole, si intromette nel discorso e piano piano supera il muro della loro indifferenza ostile e li conquista, raccontando della sua vita di malavitoso. Ad un certo punto...il corto continua ed ha un finale originale, non scontato e non buonista.
Cicatrici come titolo perché sono proprio le cicatrici ad accendere il cortocircuito fra il vecchio ed i ragazzi, cicatrici segno di identità e di appartenenza, ma anche segno di dolori profondi e spunto di riflessione sulla vita.

In una breve sequenza Alex e Marcello devono superare un labirinto in un parco giochi.
Loro sono ancora sicuri, spavaldi, nienti li spaventa, in caso di bisogno sanno maneggiare "il pezzo" (al riguardo è da sottolineare la bravura degli sceneggiatori che hanno saputo rendere alla perfezione il linguaggio povero di vocaboli e ricco di metafore dei giovani della periferia romana), e il labirinto lo superano scavalcandolo, passandoci sopra. Chissà se alla fine del corto avranno ancora la stessa spavalderia.

Secondo me c'è anche un altro spunto di riflessione, su cui però credo che gli autori non concordino: sull'opportunità della cosidetta "bugia a fin di bene". E' utile, giusto, opportuno mentire, se è a fin di bene?

Ti consiglio di vedere questo corto profondo, intenso, struggente, violento nelle descrizioni delle vite ma tenero nella rappresentazione degli affetti, quando uscirà nei circuiti di distribuzione e di suggerirlo a genitori e figli, come pungolo ad una comune riflessione su come la vita può prendere una direzione piuttosto che un'altra in conseguenza di una cicatrice.

Commenti

Anonimo ha detto…
Ma dove si può vedere questo corto?
Lupin
magociclo ha detto…
Come ho scritto nel post, a breve sarà presentato in alcuni importanti concorsi europei. Immagino che poi seguirà la normale via dei corti: pay tv, sale cinematografiche, prima della proiezione di film tradizionali. Non so invece se ne sarà realizzata una versione in DVD. Proverò ad informarmi

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …