Passa ai contenuti principali

Eluana muore e il Grande Fratello fa il record di ascolti

Ieri sera, 9 febbraio, alle 20.10, è morta Eluana Englaro. Ecco, senza commenti perché i numeri parlano da soli, come questa vicenda ha orientato le scelte televisive degli italiani nelle ore immediatamente successive (dati Auditel relativi alla prima serata televisiva del 9 febbraio 2009):
  • su Canale5, 7 milioni 920 mila telespettatori, pari al 31,78 per cento di share, hanno visto ieri in prima serata il "Grande Fratello". È record stagionale. Il reality show ha ottenuto 979 mila telespettatori in più e il 4,40 per cento di share in più rispetto alla scorsa settimana. La puntata ha registrato picchi superiori ai 10 milioni di telespettatori (10 milioni 127 mila telespettatori alle 21.48) e del 47 per cento di share (46,98 per cento) alle 23.54.
  • Su RaiUno, lo speciale "Porta a Porta" dedicato all'epilogo della vicenda di Eluana Englaro, deceduta nella clinica di Udine dove era ricoverata, ha raccolto 4 milioni 302 mila telespettatori e il 17,31 per cento di share.
  • Su Rete4, lo speciale Tg4 condotto da Emilio Fede è stato seguito da 1 milione 325 milatelespettatori, con il 4,58 per cento di share
  • Su LA7 Gad Lerner ha dedicato il programma "L'Infedele" al caso Eluana, raccogliendo 824 mila telespettatori e il 3,11 per cento di share.
  • Su Italia1, il film "Deja Vu. Corsa contro il tempo", di Tony Scott, con Denzel Washington e Val Kilmer, ha realizzato 3 milioni 701 mila telespettatori e il 13,44 per cento di share.
  • Su RaiDue, il talent show "X Factor" ha registrato 2 milioni 901 mila telespettatori e il 12,26 per cento di share
  • Su RaiTre, il programma "Chi l'ha visto?" è stato seguito da 2 milioni 41 mila telespettatori, con il 7,16 per cento di share.
Confronto: per GF+X Factor 10.821.000, per Eluana 6.451.000

Commenti

Anonimo ha detto…
SENZA PAROLE!

MAP
Cormarco ha detto…
Come ogni lunedì (benedetti impegni sportivi) non sono stato a casa, ma vi posso assicurare che comunque non avrei visto uno di quei programmi dedicati al caso Englaro. Prima di tutto eaminiamo i 3 programmi dal punto di vista ideologico, a priori. Vespa e Fede sono nomi che sono una garanzia di imparzialità ASSOLUTA (come il mio giudizio del resto). L'unico era Lerner, ma non avrei seguito neanche lui. Da troppi giorni c'è stato un bombardamento mediatico sul caso, una strumentalizzazione deprimente, una desolante "corsa contro il tempo" per accaparrarsi un consenso basato solo su un vago e inconsapevole consenso popolare. Chi siamo noi per giudicare, che titolo abbiamo di pontificare sul dolore di una famiglia. Come si fa a esprimere giudizi su un dramma così grande. Un paese civile sarebbe stato in silenzio, politici decenti avrebbero discusso, litigato con razionalità lontano dalle telecamere e dall'onda emotiva (non loro, ma di noi tutti). Niente di questo è stato fatto, ma certamente gli spot durante queste trasmissioni sono costati un pò di più.

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

25 Aprile 2017 nel XII municipio di Roma

Il 25 Aprile si sono tenute nel quartiere Bravetta di Roma due celebrazioni per la festa della Liberazione dal nazifascismo.
La prima, all'incrocio fra via della Pisana e via di Bravetta, dove è posta una stele in memoria dei caduti del quartiere. La seconda nel Parco dei martiri di Forte Bravetta, dove furono trucidati decine di romane e romani fra l'ottobre 1943 e il giugno del 1944. Qui le foto delle due manifestazioni.



Durante la celebrazione a Forte Bravetta Ernesto Bassignano, cantautore, giornalista e conduttore radiofonico, ha intonato alcuni canti della resistenza.



A Forte Bravetta ha partecipato, senza peraltro pronunciare alcun discorso ufficiale, il presidente del Partito Democratico, Matteo Orfini.