Passa ai contenuti principali

20 Settembre: l'Europa in bici per il clima. A Roma sarà certamente un successo (sigh!)

Leggo un lancio dell'ANSA:
» 2009-09-06 15:53
Clima: il 20 settembre manifestazioni in bici
Eventi e iniziative a Roma, Stoccolma e Budapest
(ANSA) - ROMA, 6 SET - In bici il 20 settembre a Roma, Stoccolma e Budapest per combattere i cambiamenti climatici. Su iniziativa di European Cyclist Federation e Commissione Europea le capitali ospiteranno manifestazioni ed eventi di promozione del trasporto in bicicletta. Le iniziative coincidono con la Settimana Europea della Mobilita'. Le manifestazioni sono state organizzate in vista del summit internazionale sul clima in programma a Copenhagen dal 7 al 18 dicembre.

Non ne so niente e allora cerco su internet e trovo un approfondimento sul quotidiano on line l'Unione Sarda:
"In vista del summit internazionale sul clima che si terrà a Copenhagen dal 7 al 18 dicembre prossimi per discutere e formulare un accordo globale che impegni tutte le nazioni ad una lotta efficace contro i cambiamenti climatici, la Direzione Generale Ambiente della Commissione Europea e l'European Cyclists' Federation ha organizzato il prossimo 20 settembre nelle tre capitali europee (Roma, Stoccolma, Budapest), eventi di promozione del trasporto in bicicletta, in collaborazione con le organizzazioni cicloecologiste aderenti. L'evento di Roma è organizzato con FIAB nazionale e locale (Ruotalibera). "

Vado allora sul sito di Ruota Libera: non trovo niente (peraltro sono iscritto alla mailing list di Ruota Libera, ma non ho ricevuto nessuna informativa al riguardo)
Vado sul sito Fiab: niente neanche lì (almeno sulla home page. Niente link, rimandi o citazioni)

E allora capisco: l'evento è una caccia al tesoro. Chi scopre dove e con quali modalità si terranno le manifestazioni avrà contribuito a migliorare il clima mondiale!

Mi piacciono queste iniziative ben organizzate, con mesi di preparativi, lanci continui di informazioni che fanno crescere l'interesse nei potenziali partecipanti. Sono certo: il 20 settembre a protestare in bici contro i cambiamenti climatici a Roma saremo migliaia, altro che CM!!

PS: se qualcuno ne sapesse qualcosa in più, potrebbe gentilmente lasciare un commento al post così che almeno i 31 lettori del blog possano provare a partecipare? Grazie

Commenti

Anonimo ha detto…
Mago beccate questo ( e leggi bene il programma mattutino)...

In Bici per il clima. Il 20 settembre anche a Roma, come a Stoccolma e Budapest, eventi per promuovere la mobilità in bicicletta per la lotta ai cambiamenti climatici. E' un'iniziativa di ECF e Commissione Europea con la collaborazione di FIAB, nella Settimana Europea della Mobilità. On line un forum virtuale per dare voce ai cittadini


In vista del summit internazionale sul clima che si terrà a Copenhagen dal 7 al 18 dicembre prossimi per discutere e formulare un accordo globale che impegni tutte le nazioni ad una lotta efficace contro i cambiamenti climatici, la Direzione Generale Ambiente della Commissione Europea e l'European Cyclists’ Federation organizzano il prossimo 20 settembre in tre capitali europee - Roma, Stoccolma e Budapest - eventi di promozione del trasporto in bicicletta, in collaborazione con le organizzazioni cicloecologiste aderenti. L’evento di Roma è organizzato con FIAB nazionale e locale (Ruotalibera).

L’iniziativa, all’interno della Settimana Europea della Mobilità che si svolgerà dal 16 al 22 settembre ed alla quale non risulta che il Governo italiano abbia aderito, si propone di sensibilizzare opinione pubblica e Istituzioni sul ruolo e sul contributo che la mobilità ciclistica può avere nel prevenire i cambiamenti climatici attraverso la riduzione dell’emissione di gas serra e la limitazione dei consumi energetici.

Ma non è tutto. Per coinvolgere attivamente i cittadini europei, affinché si arrivi alla Conferenza mondiale sul clima con un livello di partecipazione adeguato, la Direzione generale per l'Ambiente della Commissione europea ha elaborato una campagna di comunicazione focalizzata sull'importanza che ciascuno di noi intraprenda azioni individuali a favore del clima e sulla necessità di aumentare la pressione sui governi nazionali per fare un passo in avanti e per ridurre le emissioni di CO2. "Dite la vostra. I governi devono agire subito "è lo slogan della campagna.

Elemento centrale della campagna è il forum virtuale www.fightclimatechange.eu (a breve operativo) istituito all’interno del Clima World Community www.worldclimatecommunity.com. Si tratta di una bacheca on-line dove ognuno può lasciare opinioni, proposte, suggerimenti, richieste concrete al proprio governo sul tema. I messaggi saranno ufficialmente trasmessi ai negoziatori dell’Unione Europea presenti al COP15. Fai sentire la tua voce!

La manifestazione del 20 settembre a Roma prevede, allo stato, il seguente programma:

* Ore 6: "L'Alba del Rinascimento" - giro in bici per i mattinieri
sulla storia del Rinascimento a Roma attraverso i suoi monumenti.

* Ore 9,45: appuntamento alla CAE (Città dell'Altra Economia) per
distribuire le magliette e cappellini
* Ore 10,30: inizio della pedalata. In tutto 17 km, passando per le
principali vie e piazze del centro.
* Ore 11,30 - 13: soste di 15' circa a Piazza del Popolo, Piazza
Navona, Castel Sant'Angelo e Piazza Farnese con esibizione di
bande di strada e distribuzione di volantini.
* Ore 13,30: arrivo alla CAE e distribuzione di pizza e gelato.
* Ore 14,30: "Le Fontane di Roma" - giro in bici sulla storia delle
fontane piu' belle della capitale.



Lello Sforza
Ufficio Stampa FIAB onlus
(Federazione Italiana Amici della Bicicletta)
Tel. +39 3200313836
Fax +39 0805236674
stampa@fiab-onlus.it


==^=============================================================
FIAB - FEDERAZIONE ITALIANA AMICI DELLA BICICLETTA onlus
Presidente e Segreteria: Via Col di Lana, 9/a - 30170 Mestre (VE)tel./fax 041-921515
Direttore e amministrazione: Via Borsieri, 4/E - 20159 Milano tel. e fax 02-69311624
e-mail: info@fiab-onlus.it - Internet: http://www.fiab-onlus.it

aderente a ECF - European Cyclists' Federation www.ecf.com , COMODO, Confederazione Mobilità Sostenibile


AVE
paolo ha detto…
Non vale! questo è un palese caso di insider trade. In ogni caso ribadisco: se ne sa pochissimo in giro, a 10 giorni dall'evento.
Snobismo ciclistico o difficoltà organizzative legate alla contemporaneità di eventi (bicistaffetta)?
In ogni caso sarebbe opportuno dare subito fuoco alle polveri. Perché non prepari un post per Roma Pedala?
Anonimo ha detto…
Ho letto due lanci su roma-ciclabile.org: uno per la pedalata del 20 e l'altro per la pedalata del 27, ma non erano così dettagliati!
Mago... ma che fai, perdi colpi?
Mamaa

;-)
paolo ha detto…
La mia bibbia è Roma Pedala: se non c'è lì...non c'è!
Scherzo ovviamente, però ammetterete che se ne sa poco. Questa del 20 settembre non sarebbe dovuta essere un'iniziativa "carbonara" ma una vera esplosione di popolo contro il traffico, lo smog, l'inquinamento, lo spreco di energia. Quanti saranno i partecipanti? quanta evidenza avrà sui mezzi di comunicazione? si accettano scommesse...
Anonimo ha detto…
D.Quanti saranno i partecipanti?

R. 50 (di cui 15 parenti della gens Fabricia perchè minacciati di concrete ritorsioni ereditarie)


D. Quanta evidenza avrà sui mezzi di comunicazione?

R. La solita: confusa, fumosa, tardiva. (Salvo S. Cecilia La CicloGentilissima)

si accettano scommesse...

50 neuri , 1 neuro per ogni partecipante 'nsacco motivato in più.

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l