Passa ai contenuti principali

Il bello della bicicletta è...un libro

"...la bicicletta diventa così simbolo di un futuro ecologico per la città di domani e di un'utopia urbana in grado di riconciliare la società con se stessa".
La frase non è mia (peccato!), anche se esprime completamente il mio pensiero, ma dell'autore di uno dei libri più interessanti che abbia letto questa estate: "Il bello della bicletta", di Marc Augé, un antropologo-etnologo francese.

Augé, per parlare della bicicletta, parte dai ricordi: i suoi personali, ma anche quelli di un'intera generazione. Parla della bicicletta come mito e come storia, come utopia e come speranza, ma anche come realtà in grado di cambiarci la qualità della vita.

In questo libro ho finalmente trovato la descrizione di una sensazione che provo da sempre e che non ero mai riuscito a portare fuori di me: "Il sogno del ciclista è quello di identificarsi, sulla terra, con il pesce nell'acqua o con l'uccello nel cielo, anche se deve comunque confrontarsi con i limiti dello spazio. Il merito del ciclismo, contrariamente a questa illusione fin troppo seducente, è infatti proprio quello di imporci una percezione più acuta dello spazio e del tempo. ... la tentazione alla passività, che molti individui subiscono nella relazione con i vari mezzi di comunicazione, svanisce non appena si mettono in sella; diventano responsabili di loro stessi e ne sono subito consapevoli."

Il libro, pubblicato in Italia lo scorso maggio, ha sollevato un dibattito interessante sulla possibilità di essere felici ai nostri giorni, con l'ulteriore quesito se la bicletta aiuti o no nella ricerca della felicità. Cliccando sull'immagine della copertina entrerete nella pagina dell'editore, che riporta i link di una ricca rassegna stampa. Io vi segnalo come particolarmente interessante questo articolo pubblicato su "L'Espresso" del 18 giugno 2009.

Magnifico è il capitolo sull'utopia che a noi, abitanti dell'inferno Bananas, sembra davvero solo un'utopia irrealizzabile. Eppure Augé, anche nella cruda analisi della realtà, trova il coraggio di scrivere "...Il solo fatto che l'uso della bicicletta offra una dimensione concreta al sogno di un mondo utopico in cui la gioia di vivere sia finalmente prioritaria per ognuno e assicuri il rispetto di tutti ci dà una ragione per sperare: ritorno all'utopia e ritorno al reale coincidono. In bicicletta, per cambiare la vita! Il ciclismo come forma di umanesimo."



Il Bello della bicicletta, Marc Augé, Bollati Boringhieri editore, 59 pagine, 8 euro.

P.S. Grazie a d. Andrea che mi ha segnalato tempestivamente l'uscita del libro.

Commenti

Anonimo ha detto…
Nel mio ufficio ho appeso un articolo tratto da Metro del 18 maggio 2009 sul libro in questione con intervista all'autore.
Il titolo dell'articolo é "In bici siamo migliori"

Mamaa
magociclo ha detto…
Sì, l'ho letto nella rassegna stampa costruita dall'editore del libro. Oddio, sul titolo si potrebbe obiettare, ma voglio fare uno sforzo di positività, oggi!
tenghetenghe ha detto…
E' un libro molto bello che sarebbe purtroppo chi gestisce il bike-sharing di Roma non ha letto.
Non è scritto da un appassionato solamente, ma da un antropologo, che punta al recupero dell'essere umano, in questo mondo spersonalizzato.

Dalle biciclette in giro per Roma in tanti se non l'hanno letto lo hanno dentro.

Oggi all'inizio della scuola delle mie figlie io ero in bici, una professoressa in bici a pedalata assistita e c'era parcheggiata una bici di un bambino.
Lo scorso anno ero solo io a portare la grande a scuola il sabato.
Anonimo ha detto…
@Tenghetenghe
Lo sai che mi hai dato un'idea?! Si potrebbe regalare il libro alle maestre e magari queste, ispirate dal testo, potrebbero iniziare a parlarne con gli alunni... o magari lo regalo direttamente alle mamme dei compagni di scuola di mio figlio, che sicuramente ne hanno taaaaanto bisogno!!
Ieri fuori scuola era il solito delirio di auto parcheggiate (parola grossa, erano ammucchiate a strati) ovunque.

Mamaa
magociclo ha detto…
Assolutamente d'accordo. Potremmo comprarne qualche copia e poi fare un crossing book mirato. Io ci sto (anche dal punto di vista economico, intendo).
Vi consiglio, se non lo avete già fatto, di leggere anche il libro da cui ho tratto la citazione del post di oggi:Elogio della bicicletta, Illich Ivan,sempre di Bollati Boringhieri editore

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …