Passa ai contenuti principali

Domenica 20 Settembre a Roma tutti insieme in bici per Kyoto

Dal 7 al 12 dicembre 2009, a Copenaghen, si terrà la Conferenza Mondiale sui Cambiamenti Climatici. È un appuntamento cruciale per tutta l'Umanità, di oggi e di domani: è assolutamente necessario che tutti i Paesi raggiungano un accordo sulla drastica riduzione dell’emissione di gas serra e su una nuova politica energetica e della mobilità, per evitare che il riscaldamento del pianeta comprometta per sempre la possibilità di vita per l'Uomo sulla terra.
Il 20 settembre, in contemporanea con Stoccolma e Budapest, si svolgerà a Roma una pedalata per sensibilizzare l'opinione pubblica a questi temi.La pedalata capitolina è organizzata da FIAB/Ruota Libera, ed inizia con un appuntamento unico al mondo, di grandissimo rilievo: "L'alba del Rinascimento", una pedalata al sorgere del sole fra le bellezze rinascimentali di Roma, guidati da uno dei più attenti e preparati conoscitori di Roma, Fabrizio, più noto con il nickname di Caio Fabricius.
Fabrizio condurrà i ciclisti mattinieri negli angoli più suggestivi della Roma rinascimentale, illustrando, spiegando, approfondendo, narrando aneddoti ed episodi storici e portando i suoi discepoli ad uno stato di estasi pura.
La giornata proseguirà con una mega biciclettata alle 10.30 per le vie del centro di Roma in compagnia anche di chi ha (sconsideratamente) scelto di svegliarsi più tardi.
Se decidete di partecipare, vi do un consiglio: alzatevi un po' prima e godetevi una Roma come non l'avete mai vista, raccontata da una guida eccezionale!

Commenti

Anonimo ha detto…
Grazie Mago,
ma stavolta hai esagerato e risulterà palese la mercede che ti passo...
No, no grazie veramente, mi fa tanto piacere che sia riuscito a trasmettere questa bella emozione che ci danno i Grandi artisti di ogni epoca nel tenativo di definire e far vivere il Bello.

Purtroppo per domenica 20 p.v. non riesco a preparare niente di nuovo perchè ho una terribile serie di scadenze di lavoro e non ho tempo di studiare e approfondire.

Andrea di Rutalibera mi aveva fatto l'onore di propormi questa cosa in occasione di questa bella manifestazione e seppur perplesso per la temperie di lavoro ho pensato di farcela grattando un pò di tempo libero qua e là, ma niente di più.

Quindi faremo un pò il riassunto-collage delle ultime due edizioni: S.Angelo Campitelli e Ponte.

Ecco volevo dirlo per evitare delusioni a chi è già venuto le altre volte.

Rimane la meraviglia dell'ansa Rinascimentale all'alba e qualcosa che sicuramente avevamo dimenticato o non approfondito le scorse volte.

AVe caiofabricius VALE
Cormarco ha detto…
Caro Caio,
impossibile rimanere delusi dai tuoi incontri. Ci sarò senza dubbio.
Marco

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

25 Aprile 2017 nel XII municipio di Roma

Il 25 Aprile si sono tenute nel quartiere Bravetta di Roma due celebrazioni per la festa della Liberazione dal nazifascismo.
La prima, all'incrocio fra via della Pisana e via di Bravetta, dove è posta una stele in memoria dei caduti del quartiere. La seconda nel Parco dei martiri di Forte Bravetta, dove furono trucidati decine di romane e romani fra l'ottobre 1943 e il giugno del 1944. Qui le foto delle due manifestazioni.



Durante la celebrazione a Forte Bravetta Ernesto Bassignano, cantautore, giornalista e conduttore radiofonico, ha intonato alcuni canti della resistenza.



A Forte Bravetta ha partecipato, senza peraltro pronunciare alcun discorso ufficiale, il presidente del Partito Democratico, Matteo Orfini.