Passa ai contenuti principali

Diamo la cittadinanza agli immigrati


I due parlamentari promotori della proposta di legge: Sarubbi (PD) e Granata (PdL):

Chi non ti aspetteresti di trovare in una situazione del genere: Mirko Tremaglia (PdL):

on. Sarubbi, che ne pensa la Lega nord della sua proposta?

Qui una serie di lanci di agenzia sulla conferenza stampa e la notizia della pietra tombale posta da Cicchitto sulla proposta di legge.

Un mio breve commento, dopo aver partecipato alla conferenza stampa:

Per oltre 1 ora (la durata della conferenza stampa) mi era sembrato di vivere in un paese normale, dove avversari politici possono discutere rispettandosi, dove è possibile parlare di Politica e dove nessuno ha citato veline, escort, festini e nemmeno è stato mai nominato il presidente del consiglio. La "location" (l'imponente sala-biblioteca del Mappamondo di palazzo Montecitorio) sembrava felice di ospitare finalmente un dibattito su un tema, quello del riconoscimento della cittadinanza agli immigrati, di alto profilo. Hanno parlato uomini dalle storie lontane, come Furio Colombo e Mirko Tremaglia, ed erano presenti uomini e donne dal passato e dal futuro politico molto distante l'uno dall'altro. Eppure, di fronte ad un tema alto e importante come quello oggetto della proposta di legge Sarubbi-Granata, hanno manifestato una dignità e un livello di partecipazione davvero stupefacente. Per 1 ora ho avuto l'orgoglio di essere cittadino di un Paese finalmente tornato normale.
Poi ho letto le parole di Cicchitto. Un mix di messaggi: un avvertimento fin troppo chiaro ai suoi parlamentari, un monito all'opposizione di non farsi illusioni, una carezza all'alleato fedele, la Lega Nord.E mi sono ricordato chi comanda in Italia e qual è il ruolo del Parlamento in questa legislatura: quello di ratificare, il più velocemente possibile le decisione del governo.Mi è dispiaciuto per l'on. Granata, che sembrava sincero quando ha detto "il pdl andrà comunque avanti su questo testo, anche se la Lega non fosse d'accordo". Ma forse è meglio così. Sognare può essere pericoloso in questo paese.

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto