Passa ai contenuti principali

Le biciclette dei mestieri

Nei giorni dell'EICMA (salone milanese del ciclo), ricco di bici tecnologiche, mi sono ricordato di un'altra esposizione di bici, di tutt'altro genere, che ho recentemente visitato.
All'ingresso, un po' nascosta dalla vetrina, da un velocipede a pedali e dai tanti oggetti sparpagliati intorno, c'è la bici del pompiere,
con idrante, carrellino con 2° manicotto e attrezzi vari necessari all'opera dei vigili del fuoco.
Un particolare: dietro al fanalino anteriore c'è un piccolo contenitore. Credo servisse come serbatoio per il combustibile necessario a generare la fiammella del fanalino!

Segue la bici dell'arrotino, certamente più familiare ai nostri occhi rispetto alla precedente
Affascinante è poi la bici del pescatore, completa di tutto il necessario per una tranquilla e proficua giornata di pesca con la canna.


Queste bici mi hanno fatto ricordare una scena di tanti anni fa, quando ero ragazzino. Abitavo in un quartiere che allora era all'estrema periferia di Roma: vicino casa mia c'era una rivendita di vino, dove spesso la sera si incontravano degli uomini per bere un bicchiere di vino in compagnia. Ogni sabato, puntualmente, arrivava in bicicletta sul piazzale davanti a questa rivendita un barbiere. Posteggiava la bici, prendeva la borsa, che era del tipo "a cartella" (il barbiere la chiudeva intorno alla canna orizzontale della bici così che durante la pedalata dondolasse senza dargli ingombro), ne tirava fuori i ferri del mestiere e, all'aperto, davanti al "vini e oli" procedeva alla rasatura e alla tonsura settimanale dei suoi clienti.
Altri tempi, altri bisogni, altre attenzioni. Eppure la bici, nella sua essenza è ancora la stessa: impreziosita da materiali moderni, con luci, cambi e accessori all'ultima moda, ma sempre fondamentalmente un oggetto a due ruote spinto dalla forza della pedalata, trasmessa alla ruota da una catena.


Le foto sono state scattate presso il "Musée du Jouet" di Colmar, dove le bici erano esposte nell'ambito della mostra temporanea "Histoire du vélo à travers le Tour de France".

Commenti

Silvia ha detto…
Hai ragione: la bici rimane sempre fondamentalmente un oggetto a due ruote spinto dalla forza della pedalata, trasmessa alla ruota da una catena, ma proposito di cose originali io all'Eicma ho visto tantissime cose belle e nuove, come il servizio che offre una ditta siciliana, la cicli Lombardo, che si chiama comebicitu.it ovvero la personalizzazione della bici. ok, sarà solo uno sfizio però mi sembra un modo carino per rendere la tua bici unica.
paolo ha detto…
In quanto a idee, bé, quelle certo non mancano. Qui troverai il progetto di una bici la cui struttura è costruita interamente con plastica riciclata: http://www.ecoblog.it/post/una-bici-tutta-in-plastica-riciclabile/6087
Ho visto l'iniziativa della tua azienda, la Lombardo e l'ho trovata interessante. Sai, la mia filosofia è che tutto ciò che invoglia ad andare in bici è ben fatto!
Ciao, Silvia "Lombardo"!!
Anonimo ha detto…
leggere l'intero blog, pretty good
Anonimo ha detto…
quello che stavo cercando, grazie

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l