Passa ai contenuti principali

Politico in bicicletta, ma a Londra!

Lo scorso 21 marzo il quotidiano inglese Mirror ha "pizzicato" il leader del partito conservatore, David Cameron, in sella alla sua bici mentre andava al lavoro. E fin qui niente di male: il problema è che Mr. Cameron durante il percorso ha mostrato una particolare indifferenza alle norme del codice della strada, imboccando contromano strade a senso unico, passando incroci con il semaforo rosso e camminando sul lato sbagliato della carreggiata.
Ecco la testimonianza visiva, ripresa dal reporter con una telecamera occultata alla buona sul manubrio di una bici utilizzata per l'inseguimento:


L'ondata di critiche (la notizia è stata ripresa anche dall'austero "Times") ha costretto Cameron, definito dal Mirror "calamity Cam", a scusarsi pubblicamente: "So quanto sia imp0rtante rispettare le norme del codice della circolazione. Stavolta ho commesso qualche errore e me ne scuso".
In molti hanno preso al volo l'occasione per stigmatizzare il comportamento dell'uomo politico, ma anche quello dei ciclisti nel traffico, evidenziando i rischi che si corrono a violare il codice della circolazione e per chiedere interventi più severi da parte delle auorità, anche in vista del piano che mira a spostare entro pochi anni quote consistenti del traffico londinese sulle bici.
In realtà sembra che Cameron sia un habitué del "contromano" e del passaggio con il rosso, e che la presenza del reporter fosse stata meticolasamente programmata a seguito di precise informazioni ricevute dalla redazione.

Quello che però a me interessa sottolineare è che l'equivalente di Berlusconi del Regno Unito (cioè il leader del partito di opposizione, i "tories") vada di tanto in tanto in ufficio con una normalissima bici, percorrendo i 25 minuti di strada senza scorte e agenti di contorno, come un qualsiasi cittadino. E dire che il Regno Unito non sia poi così privo di potenziali nemici!

Noi al massimo abbiamo Rutelli, che in piena campagna elettorale, vestito in tuta sportiva, si è fatto filmare sulla ciclabile del Tevere, percorso lontano da qualsiasi tentazione di contromano o di semafori da bruciare!.

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto