Passa ai contenuti principali

Caccia grossa

Ieri sera, in casa, passando da una stanza all'altra, ho intercettato un'immagine in tv che mi ha portato alla mente un episodio accaduto qualche settimana fa. L'immagine evocativa era una scena del film "Ho voglia di te", tratto dal libro di Moccia, in cui si vedevano le ormai note immagini di una giovane coppia che chiude un lucchetto, pegno di amore imperituro, su un lampione di ponte Milvio, a Roma, e lancia la chiave nel Tevere...

...è sabato mattina, l'aria fresca, ma sono sudato perché sto pedalando in bici da oltre 2 ore. Il mio partner di scorribande ciclistiche, Marco, imbocca ponte Milvio brontolando contro i tanti ambulanti che vendono lucchetti, esposti su poveri stracci poggiati sul selciato, ma ancor di più contro le decine di "pischelli" che attaccano i lucchetti alle catene provvidenzialmente installate dal comune lungo il ponte per proteggere i lampioni.

La mia attenzione però viene attratta da un gruppetto di ragazzi di circa 15 anni che si sporgono dal parapetto del ponte e, vociando come solo i ragazzi di 15 anni sanno fare, additano qualcosa. Non resisto, mi fermo e di colpo vengo precipitato nella più assurda e divertente caccia grossa che abbia mai visto!
Oggetto dell'attenzione dei ragazi sono un paio di grossi topi che scorrazzanno sulla sottostante banchina, apparendo e scomparendo fra gli arbusti, incuranti del vociare soprastante. L'atmosfera è quella di una battuta di caccia grossa nel Serengeti, con i Masai che braccano un branco di antilopi. Ci sono gli avvistatori, i battitori, le donne che attendono la preda e infine loro, sì, i cacciatori, 2 "pischelli", i più svegli del gruppo, capelli ricci, occhio attento e arma nella mano, pronti a scagliare il dardo contro la preda inquadrata. L'unica differenza è proprio nell'arma: non la freccia dalla punta avvelenata, non la lancia silenziosa e potente ma...una chiave!

Sì, l'arma impugnata dai cacciatori di ponte Milvio era la chiave di un lucchetto appena serrato su una catena. Invece di lanciare stoltamente la chiave nel fiume, i 2 cacciatori cercavano di regalare al metallico oggetto una fine gloriosa di arma venatoria. Il problema era che le "prede" non davano peso al pericolo incombente e continuavano a spostarsi nella fratta in cerca di cibo senza alcuna apparente preoccupazione.
Non ho avuto il coraggio di restare lì, inoperoso spettatore della caccia. Ho inforcato la bici sorridendo al pensiero di quello che i 2 toponi si stessero dicendo in quel momento:
"Aho, ma seconno te che vonno 'sti regazzini là sopra? si urleno ancora 'npo me sa cche me ne vado da n'antra parte che qui mme sto a stufà".
"E cciai raggione cciai...e poi che vorranno di' 'ste chiavi che tireno de sotto? armeno ce tirassero 'npezzo de pane, 'na crosta de formaggio, che co' tutto 'sto casino me sta a vvenì fame!"

Commenti

Anonimo ha detto…
sei sicuro che i toponi stessero proprio dicendo cosi?!?
ho idea i topi di quelle dimensioni le chiavi dei lucchetti se le mangiano!!!!!!!!!!!!!!!:-)

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …