Passa ai contenuti principali

Caccia grossa

Ieri sera, in casa, passando da una stanza all'altra, ho intercettato un'immagine in tv che mi ha portato alla mente un episodio accaduto qualche settimana fa. L'immagine evocativa era una scena del film "Ho voglia di te", tratto dal libro di Moccia, in cui si vedevano le ormai note immagini di una giovane coppia che chiude un lucchetto, pegno di amore imperituro, su un lampione di ponte Milvio, a Roma, e lancia la chiave nel Tevere...

...è sabato mattina, l'aria fresca, ma sono sudato perché sto pedalando in bici da oltre 2 ore. Il mio partner di scorribande ciclistiche, Marco, imbocca ponte Milvio brontolando contro i tanti ambulanti che vendono lucchetti, esposti su poveri stracci poggiati sul selciato, ma ancor di più contro le decine di "pischelli" che attaccano i lucchetti alle catene provvidenzialmente installate dal comune lungo il ponte per proteggere i lampioni.

La mia attenzione però viene attratta da un gruppetto di ragazzi di circa 15 anni che si sporgono dal parapetto del ponte e, vociando come solo i ragazzi di 15 anni sanno fare, additano qualcosa. Non resisto, mi fermo e di colpo vengo precipitato nella più assurda e divertente caccia grossa che abbia mai visto!
Oggetto dell'attenzione dei ragazi sono un paio di grossi topi che scorrazzanno sulla sottostante banchina, apparendo e scomparendo fra gli arbusti, incuranti del vociare soprastante. L'atmosfera è quella di una battuta di caccia grossa nel Serengeti, con i Masai che braccano un branco di antilopi. Ci sono gli avvistatori, i battitori, le donne che attendono la preda e infine loro, sì, i cacciatori, 2 "pischelli", i più svegli del gruppo, capelli ricci, occhio attento e arma nella mano, pronti a scagliare il dardo contro la preda inquadrata. L'unica differenza è proprio nell'arma: non la freccia dalla punta avvelenata, non la lancia silenziosa e potente ma...una chiave!

Sì, l'arma impugnata dai cacciatori di ponte Milvio era la chiave di un lucchetto appena serrato su una catena. Invece di lanciare stoltamente la chiave nel fiume, i 2 cacciatori cercavano di regalare al metallico oggetto una fine gloriosa di arma venatoria. Il problema era che le "prede" non davano peso al pericolo incombente e continuavano a spostarsi nella fratta in cerca di cibo senza alcuna apparente preoccupazione.
Non ho avuto il coraggio di restare lì, inoperoso spettatore della caccia. Ho inforcato la bici sorridendo al pensiero di quello che i 2 toponi si stessero dicendo in quel momento:
"Aho, ma seconno te che vonno 'sti regazzini là sopra? si urleno ancora 'npo me sa cche me ne vado da n'antra parte che qui mme sto a stufà".
"E cciai raggione cciai...e poi che vorranno di' 'ste chiavi che tireno de sotto? armeno ce tirassero 'npezzo de pane, 'na crosta de formaggio, che co' tutto 'sto casino me sta a vvenì fame!"

Commenti

Anonimo ha detto…
sei sicuro che i toponi stessero proprio dicendo cosi?!?
ho idea i topi di quelle dimensioni le chiavi dei lucchetti se le mangiano!!!!!!!!!!!!!!!:-)

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l