Passa ai contenuti principali

Una strana storia romana: il bike sharing a piazza della Maddalena è sparito

Dopo mesi di gestazione è partito il bike sharing anche a Roma. A fine febbraio sono iniziati i lavori per costruire le 20 postazioni di scambio delle bici da noleggiare per brevi percorsi nel centro storico. Fra le varie postazioni da installare c'è quella di piazza della Maddalena (indicata con il n° 9 sulla pianta del comune), dove il 4 marzo erano presenti queste transenne per delimitare l'area dei lavori:
Però il 18 marzo, sul Corriere della Sera, pagina 8 della cronaca di Roma, rubrica "ci pensa il Corriere" appare questa lettera:
"Gentile redazione, sono il presidente dell'associazione "via e piazza della Maddalena" e vorrei sottoporvi una problematica relativa alla realizzazione, all'interno della piazza, di una serie di colonnine per il noleggio di biciclette da utilizzare nel centro storico. Pur apprezzando l'iniziativa del bike sharing, decisamente ecologica, ci sembra evidente che la nostra piazza della Maddalena...non sia adatta per questo scopo. Non sarà il caso di riesaminare, e anche con una certa urgenza, la decisione di mettere un parcheggio di biciclette proprio qui?..." Firma: Clemente Quaglia"

Il Corriere della Sera risponde: "Gentile sig. Quaglia, le postazioni di scambio del bike sharing -è quanto assicurano dall'assessorato capitolino all'Ambiente- sono state scelte con la massima cura ed attenzione. Ma soprattutto nel rispetto dei monumenti e dei luoghi storici della città. Se ben ricorda il servizio per il noleggio delle bici nel centro storico è iniziato in ritardo rispetto a quanto annunciato proprio perché dovevano essere riviste le collocazioni dei punti per il noleggio (che sono infatti diminuiti da 22 a 20)..."

Ma attenzione, il 30 marzo, 12 giorni dopo la pubblicazione della lettera del sig. Quaglia, la situazione in piazza della Maddalena è radicalmente cambiata, come testimoniato da quest'altra foto:
Sono state rimosse le griglie in metallo che delimitavano lo spazio dedicato alla postazione di bike sharing, né ci sono segni di lavori in corso in tutta la piazza, al contrario di quello che ho rilevato negli altri luoghi di installazione (ad esempio largo Chigi, piazza di Spagna, piazza del Parlamento, piazza Venezia, S. Giovanni de' fiorentini...)!
Credo ci troviamo di fronte ad un fatto molto grave: probabilmente nell'attuale vuoto politico l'associazione presieduta dal sig. Quaglia potrebbe essere riuscita a far modificare una decisione assunta, con fatica e dispendio di energie e tempo, dalle autorità comunali e statali a favore dell'intera collettività. Modifica che invece andrà a beneficio solo di un piccolo numero di commercianti locali.
Per la cronaca, vi invito a fare una passeggiata nei prossimi giorni in piazza e via della Maddalena: vedrete gli spazi pubblici assediati da esercizi commerciali, per lo più locali di somministrazione di cibi e bevande, che a pranzo e cena invadono come possono, con tavolini e sedie, il selciato pubblico, costringendo i pedoni a slalom imbarazzanti. Ovviamente la presenza costante di bici costringererebbe i vigili a pretendere il rispetto degli spazi esterni assegnati ad ogni esercizio commerciale, e questo probabilmente ha suscitato i malumori che hanno trovato tanta attenzione nelle accoglienti stanze comunali!

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto