Passa ai contenuti principali

Ciclisti urbani: parlare o no con la politica?

In questi giorni si sta discutendo, anche in maniera accesa, nelle comunità dei ciclisti "urbani" sull'opportunità di aprire o no un canale di contatto con la politica, per presentare le nostre esigenze di una nuova mobilità cittadina, completamente ripensata a misura della nostra salute.

I contrari sostengono che la politica "è tutto un magna magna" e che è del tutto inutile relazionarsi con soggetti che, il giorno dopo essere stati eletti daranno ascolto solo alle voci dei potentati economici e delle lobbies. Invece di dialogare perciò meglio ottenere le cose che si desiderano con azioni eclatanti, quali la Critical Mass, e con l'attivazione di un movimento di popolo.

I favorevoli, fra cui mi pongo, sostengono che è necessario trovare un rapporto con la politica, anzi, che è nostro dovere formare i politici e far capire loro che le esigenze dei ciclisti urbani sono solo la punta di un iceberg formato da migliaia di persone che non ne possono più di traffico ed inquinamento. E quindi partecipiamo alle occasioni di dialogo che ci vengono offerte.

E, poiché questo blog l'ho creato io, ospito per prima una dimostrazione di come la politica possa ben dialogare con chi vuole cambiare profondamente la realtà, possa metabolizzare queste proposte per creare poi qualcosa che oggi a Roma, ma più in generale in Italia, appare ancora utopistico.

Ecco a voi un programma di 8 anni per rendere una capitale la città più ecologica del mondo. Non parlo di Marte, né di uno sperduto villaggio fra le montagne, ma della capitale di uno stato della UE. Sto parlando di Copenhagen, capitale della Danimarca.


In un progetto appena reso pubblico, le autorità danesi enunciano il loro proposito:
IN 2015 COPENHAGEN WILL BE RIGHTLY KNOWN AS THE CAPITAL CITY IN THE WORLD WITH THE BEST URBAN ENVIRONMENT.


Segue il progetto:
COPENHAGEN WILL HAVE BECOME THE ECO-METROPOLE OF THE WORLD, THUS DEMONSTRATING THAT ENVIRONMENTAL CONCERN ADDS AN EXTRA DYNAMIC TO URBAN DEVELOPMENT. COPENHAGENERS AND VISITING GUESTS WILL BE ABLE TO SEE AND APPRECIATE THE IMPROVEMENTS, WHILE AT THE SAME TIME THE CITY WILL BE SHARING ACTIVE RESPONSIBILITY FOR GLOBAL ENVIRONMENTAL DEVELOPMENT.


Che cosa manca a Roma, Milano, Bologna, Torino, Palermo, Bari...per seguire l'esempio di Copenhagen? Non diamo sempre la colpa ai politici, che sono lo specchio fedele della società che rappresentano. Rimbocchiamoci le mani e iniziamo da subito ad impegnarci, se non vogliamo che questa domanda risuoni come una condanna alle nostre orecchie


(dal film "Una verità scomoda" di Al Gore)

Commenti

Anonimo ha detto…
caro Mago, mi sono preso la briga, e anche il tempo, di leggere quell'interminabile post sull'incontro di sabato. E' di una tristezza assoluta, sembra una di quelle riunioni di condominio dove immancabilmente vengono fuori ruggini di decenni. Molto triste, non tanto o solo perchè mi sembra che la polemica sia sul piano personale, quanto perchè non si accetta che qualcuno possa avere un'idea diversa dalla propria. Triste perchè, sempre mi sembra di aver capito, ci si batta per avere la "rappresentanza" dei ciclisti romani, ma rappresentanza di che?, non so nulla di queste beghe, e non le voglio neanche conoscere. A me interessano le piste ciclabili, ce ne fossero! Non mi sento per niente un ghettizzato quando le percorro, tutt'altro. Quello che conta è vedere nelle facce dei ciclisti che incrocio la mia stessa contentezza e senso di libertà che ancora provo in sella a una bici. Tutto il resto sono solo chiacchere stucchevoli.
Saluti

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l