Passa ai contenuti principali

Alitalia giudicata dal Wall Street Journal

Alcuni anni fa ho avuto l'occasione di conoscere Alitalia molto bene, dall'interno, e ho avuto la possibilità di vedere direttamente molti dei meccanismi che hanno portato la Compagnia aerea alla situazione di sfascio attuale, ed oggi sono addolorato perché purtroppo vedo realizzarsi le nefaste profezie che, senza particolari difficoltà, avevo sviluppato oltre 10 anni fa.
La gestione della Compagnia non ha mai potuto avere realmente attenzione al conto economico ma si è piuttosto rivelata attenta ai mille potentati di turno da accontentare (politici nazionali, di maggioranza e di opposizione, politici locali, potentati economici e sociali), e il risultato è stato un declino continuo, inarrestabile da qualunque manager abbia provato a mettersi contro questo o quel "potente" che in Alitalia trovava base adatta per raggiungere i suoi obiettivi, che non erano quelli di una Compagnia da risanare e rilanciare.
Finora ho preferito tacere, sinceramente addolorato soprattutto per le incognite che il futuro riserva ai tanti amici che ancora lavorano a Fiumicino e a via della Magliana. Ma ieri ho letto un editoriale del WSJ, intitolato (in italiano) "Silvio and Alitalia" e lì ho trovato una voce autorevole ed obiettiva che conferma i miei giudizi.

I commenti sono molto severi e sfruttano la vicenda della Compagnia aerea anche per indicare uno schieramento del giornale americano nella campagna elettorale in corso, tema che per ora preferisco tralasciare. L'aspetto che invece mi ha toccato è stata l'analisi impietosa e finalmente chiara di 2 delle cause che, a giudizio del Wall Street Journal, e anche mio, hanno contribuito a determinare la situazione in cui versa Alitalia:

  1. la pervicace volontà delle tante sigle sindacali, comprese quelle confederali, di opporsi a qualunque tentativo di riforma o ristrutturazione della Compagnia (che, detto per inciso, sarebbe già fallita se nel corso dell'ultimo decennio non fosse stata assistita da massicce dosi di capitale iniettate dall'azionista di maggioranza - il ministero dell'Economia e Finanze- e da provvedimenti a carico della collettività per incentivare abbondanti esodi di personale. Iniziative faticosamente fatte accettare ad una Commissione Europea per niente convinta della liceità di simili interventi): "...(The) unions helped to create Alitalia's misfortunes with their numerous strikes and repeated rejection of corporate restructuring..."
  2. la volontà, opportunistica, del politico di turno di offrire a questi tentativi corporativi una copertura idonea a dar loro forza e consentire quindi ai sindacati di tenere in scacco il management: "The Italian unions would have a much more difficult time taking a hard line if they weren't getting political cover from Mr. Berlusconi." (dove Berlusconi può essere additato per i suoi periodi di governo, ma al quale possono essere aggiunti tranquillamente anche i nomi di chi prima e dopo di lui, a partire dal 1995, ha governato o condizionato la Compagnia).

L'articolo esprime poi il timore che tutti noi, osservatori un tantino addentro alla vicenda, abbiamo maturato: "They'd do well to recall the fate of former Belgian flag carrier Sabena, whose workers refused concession after concession -- until the company finally went out of business."

E, per concludere con il WSJ, tutto questo clamore strumentale, sollevato intorno ad una vicenda che per essere risolta avrebbe bisogno di serietà, programmi duri ma seri, competenze tecniche e disponibilità finanziarie, "That's hardly good news for Alitalia, or for Italy." (non è certo una buona notizia per l'Alitalia, o per l'Italia)

Commenti

Anonimo ha detto…
La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu
Anonimo ha detto…
imparato molto
Anonimo ha detto…
necessita di verificare:)
Anonimo ha detto…
La ringrazio per Blog intiresny
Anonimo ha detto…
quello che stavo cercando, grazie
Anonimo ha detto…
quello che stavo cercando, grazie
Anonimo ha detto…
Perche non:)
Anonimo ha detto…
good start
Anonimo ha detto…
molto intiresno, grazie
Anonimo ha detto…
imparato molto
Anonimo ha detto…
necessita di verificare:)

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto