Passa ai contenuti principali

Alitalia giudicata dal Wall Street Journal

Alcuni anni fa ho avuto l'occasione di conoscere Alitalia molto bene, dall'interno, e ho avuto la possibilità di vedere direttamente molti dei meccanismi che hanno portato la Compagnia aerea alla situazione di sfascio attuale, ed oggi sono addolorato perché purtroppo vedo realizzarsi le nefaste profezie che, senza particolari difficoltà, avevo sviluppato oltre 10 anni fa.
La gestione della Compagnia non ha mai potuto avere realmente attenzione al conto economico ma si è piuttosto rivelata attenta ai mille potentati di turno da accontentare (politici nazionali, di maggioranza e di opposizione, politici locali, potentati economici e sociali), e il risultato è stato un declino continuo, inarrestabile da qualunque manager abbia provato a mettersi contro questo o quel "potente" che in Alitalia trovava base adatta per raggiungere i suoi obiettivi, che non erano quelli di una Compagnia da risanare e rilanciare.
Finora ho preferito tacere, sinceramente addolorato soprattutto per le incognite che il futuro riserva ai tanti amici che ancora lavorano a Fiumicino e a via della Magliana. Ma ieri ho letto un editoriale del WSJ, intitolato (in italiano) "Silvio and Alitalia" e lì ho trovato una voce autorevole ed obiettiva che conferma i miei giudizi.

I commenti sono molto severi e sfruttano la vicenda della Compagnia aerea anche per indicare uno schieramento del giornale americano nella campagna elettorale in corso, tema che per ora preferisco tralasciare. L'aspetto che invece mi ha toccato è stata l'analisi impietosa e finalmente chiara di 2 delle cause che, a giudizio del Wall Street Journal, e anche mio, hanno contribuito a determinare la situazione in cui versa Alitalia:

  1. la pervicace volontà delle tante sigle sindacali, comprese quelle confederali, di opporsi a qualunque tentativo di riforma o ristrutturazione della Compagnia (che, detto per inciso, sarebbe già fallita se nel corso dell'ultimo decennio non fosse stata assistita da massicce dosi di capitale iniettate dall'azionista di maggioranza - il ministero dell'Economia e Finanze- e da provvedimenti a carico della collettività per incentivare abbondanti esodi di personale. Iniziative faticosamente fatte accettare ad una Commissione Europea per niente convinta della liceità di simili interventi): "...(The) unions helped to create Alitalia's misfortunes with their numerous strikes and repeated rejection of corporate restructuring..."
  2. la volontà, opportunistica, del politico di turno di offrire a questi tentativi corporativi una copertura idonea a dar loro forza e consentire quindi ai sindacati di tenere in scacco il management: "The Italian unions would have a much more difficult time taking a hard line if they weren't getting political cover from Mr. Berlusconi." (dove Berlusconi può essere additato per i suoi periodi di governo, ma al quale possono essere aggiunti tranquillamente anche i nomi di chi prima e dopo di lui, a partire dal 1995, ha governato o condizionato la Compagnia).

L'articolo esprime poi il timore che tutti noi, osservatori un tantino addentro alla vicenda, abbiamo maturato: "They'd do well to recall the fate of former Belgian flag carrier Sabena, whose workers refused concession after concession -- until the company finally went out of business."

E, per concludere con il WSJ, tutto questo clamore strumentale, sollevato intorno ad una vicenda che per essere risolta avrebbe bisogno di serietà, programmi duri ma seri, competenze tecniche e disponibilità finanziarie, "That's hardly good news for Alitalia, or for Italy." (non è certo una buona notizia per l'Alitalia, o per l'Italia)

Commenti

Anonimo ha detto…
La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu
Anonimo ha detto…
imparato molto
Anonimo ha detto…
necessita di verificare:)
Anonimo ha detto…
La ringrazio per Blog intiresny
Anonimo ha detto…
quello che stavo cercando, grazie
Anonimo ha detto…
quello che stavo cercando, grazie
Anonimo ha detto…
Perche non:)
Anonimo ha detto…
good start
Anonimo ha detto…
molto intiresno, grazie
Anonimo ha detto…
imparato molto
Anonimo ha detto…
necessita di verificare:)

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l