Passa ai contenuti principali

Ciao Marina, sono contento che ci sei

Oggi, 10 settembre, si tiene la Giornata Mondiale per la Prevenzione al Suicidio, iniziativa dell’associazione internazionale per la prevenzione al suicidio (IASP) organizzata in collaborazione con l'Organizzazione Mondiale della Sanità (World Health Organization-WHO). Il tema principale del 2008 è “Pensare globalmente, organizzare nazionalmente, agire localmente”.
Questo tema è un’opportunità per tutti i settori della comunità: il pubblico, le associazioni a scopo benefico, le comunità, i ricercatori, i clinici, i medici di base, i politici, i volontari e tutti coloro che hanno a avuto a che fare con il suicidio, di entrare in contatto con IASP e con WHO e di indirizzare, nella Giornata Mondiale per la Prevenzione del Suicidio, l’attenzione pubblica sul tema e mettano in primo piano delle attività di prevenzione efficaci.


Il tema mi è poco familiare e quando mi capita di incrociarlo, vigliaccamente, cerco di cambiare strada. Oggi però non voglio allontanarmi, voglio ricordare quello che successe tanti anni fa, quando vissi di riflesso, ma da vicino, una vicenda di un tentato suicidio: Marina, una mia compagna di classe, di 17 anni, perse il gusto della vita, e una notte, a casa, si impasticcò. La salvò il papà, che alzatosi nella notte, la trovò rantolante per terra. La fortuna fu che abitava a pochi passi dall'ospedale, dove le praticarono immediatamente tutte le cure. Quando la vidi, dopo un paio di giorni, era dietro un vetro, in una camera di rianimazione. La mamma mi si avvicinò e mi disse una sola parola "perché?". Non risposi, la guardai con uno sguardo vuoto, assente, che ammetteva la mia totale impossibilità di darle qualche risposta. Già, perché? Mi resi conto che di Marina sapevo poco, forse niente. Sì, era una compagna di classe, qualche volta bisticciavamo per motivi ideologici, altre volte solidarizzavamo, ci passavamo i compiti, facevamo comunella nelle poche ore di scuola e poi ognuno per la sua strada. Io la vedevo già grande, donna, con tanti ragazzi "grandi" che le giravano intorno, alle prese con problemi e argomenti che a me sembravano ancora lontani. Perché, Marina, cercasti di andartene nel cuore di una notte romana? Non te lo chiesi mai, non ne ebbi il coraggio. Fu un amore mancato, un'incomprensione a casa, un abisso di tristezza come solo a 17 anni si prova? Chi lo sa, provai a capire, ma come sempre, con te non ci capii niente. Oggi so (me l'ha detto Antonella, un'altra compagna della nostra classe che dopo decenni ho casualmente incontrato) che sei una donna grande, hai una tua vita, piena di tutto quello che riempie la vita: lavoro, gioie, amori, lutti, tristezze, delusioni... Forse dentro hai ancora la tua energia, la tua voglia di far polemica su tutto, le tue idee su un mondo che sarebbe dovuto cambiare in meglio e che invece forse è solo peggiorato, o forse non l'hai mai avute e quel gesto a te era sembrato un modo per dircelo.
Non lo so, ma stasera (anche se non ti vedo da oltre 30 anni) sono contento che ancora ci sei.

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …