Passa ai contenuti principali

Speriamo nel Mobility Dai

Settembre è già iniziato da 3 giorni e ancora non ho scritto il primo post del mese. Come mai, vi chiederete. Me lo chiedo anch'io, ma sembra che la voglia di commentare, spigolare, annotare, mi sia venuta meno con la piena ripresa delle varie attività. Sento dentro un senso di delusione, di amarezza per tutte le cose negative che avevo lasciato alle spalle ad inizio di agosto e che ho ritrovato puntualmente presenti dopo 1 mese.
Forse il viaggio in Austria mi aveva un po' illuso, aveva instillato in me il seme della speranza. Speranza però presto sfumata. Ho ritrovato la nostra città sempre più preda di un traffico intenso, sguaiato, pericolosissimo. Le autorità locali e nazionali non svolgono attività né di pianificazione (solo nella zona dove abito sono stati aperti in questi giorni 2 cantieri di lavoro sulla sede stradale, con la conseguenza di paralizzare il traffico) né di controllo. Come ciclista urbano sento la paura di salire sulla bici ed affrontare le strade della capitale. Nemmeno il quotidiano confronto con gli amici che si ritrovano nel magnifico blog "Roma pedala" riesce a ridarmi il necessario entusiasmo.
Spero che con la manifestazione del 20 settembre (vedi il banner a destra), il "Mobility Dai" possa di nuovo uscire, dal confronto con tutti gli altri utenti deboli della strada, la voglia di non arrendermi alle brutture che vedo intorno.

Commenti

Anonimo ha detto…
Capisco perfettamente il tuo stato d'animo e poichè effettivamente l'anno comincia a settembre bilancio e prospettive sono bruttine, anzi desolanti, in Italia e soprattutto a Roma.
Pare però che esista un branco di diavoli rossi capace di far dimenticare qualsiasi depressione...

AVE Caio Prisco, il Gerontodiavolo di Fossa
alberto ha detto…
Dai Mago, tieni duro e non mollare!!!
Anonimo ha detto…
Stavo appunto riflettendo sul perche' non avevi scritto altro ...dopo il pecorino...

Magociclo continua a scrivere!!

MAP

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto