Passa ai contenuti principali

Gli utenti deboli della strada fanno sentire la loro voce

Secondo recentissimi dati ANIA, nel 1° semestre 2008 sono morte in incidenti stradali in Italia 1.459 persone, e sono rimaste ferite 43.158. Le previsioni, che stimano statisticamente un dato di vittime più alto nel 2° semestre, prevedono circa 5.500 decessi a fine anno.
Questi numeri assegnano all'Italia la peggiore posizione di tutta l'Unione Europea. Con queste cifre è come se ogni dieci anni cancellassimo una città come Avellino o Cuneo. Gli incidenti sono la terza causa di morte in Italia, dopo i tumori e le malattie cardio-circolatorie e la prima ragione di decesso tra i giovani. La spesa per questa emergenza incide per due punti e mezzo percentuali sul pil, denari che, se investiti in politiche di prevenzione e controllo, potrebbero migliorare significativamente la qualità della nostra vita.

Per questo abbiamo deciso di protestare, di alzare la voce, di farci ascoltare perché non vogliamo più essere le vittime predestinate di un sistema che consente ad un SUV di sfrecciare legalmente in città a 70 km/h e poi impone alle bici un ridicolo limite di velocità a 10 km/h nei parchi.

Ci incontreremo sabato 20 settembre alle 17.00 al Colosseo, in un "Mobility Dai", e speriamo di essere in tanti ad urlare la nostra rabbia e la nostra preoccupazione.

Commenti

Anonimo ha detto…
Si! Mobility Dai!
Ci vediamo tutti sabato 20 settembre, forse con la bici, sicuramente con il pargolo.
Mamaa
Anonimo ha detto…
forse ???
Caio Sgomentus.

P.s. La visita ai Ponti della Ciclovia Tevere è stata spostata a sabato mattina ore 9.30 isola Tiberina P.te Cestio.
segue volantino.
p.s 2 Stasera cerco di migliorare pure questo
Ciao cari Maghi e Mamme rari
magociclo ha detto…
Mamaa, l'alternativa non esiste: o con la bici o... con la bici!! Al limite puoi scroccare un passaggio, ma devi portarti il seggiolino!
Anonimo ha detto…
resistere resistere resistere

grazie ragazzi, il cambiamento è possibile!

Ilcapomeccanico
alberto ha detto…
E ovviamente, sabato ci sarò anche io (Caio, anche questa volta non riuscirò a godermi i ponti: sono di turno)!
Anonimo ha detto…
OOOOH, ok, o bici o niente!
Ma cominciate a pregare tutte le divinità che conoscete, perché le previsioni dicono pioggia...
E te pareva!

Mamaa

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …