Passa ai contenuti principali

Piste ciclabili? no grazie, troppo sexy

E' quello che si sono sentiti dire gli attoniti funzionari comunali di New York dal leader di una comunità ebraica hassidica residente nel sobborgo di Williamsburg, in Brooklyn.
In poche parole, è successo questo: l'amministrazione di New York ha deciso nei mesi scorsi di costruire una lunga pista ciclabile nell'area di Williamsburg, un tempo quartiere periferico di Brooklyn e oggi frontiera trendy della città, pieno di giovani ed artisti. La pista definitiva non è ancora pronta, ma è stato già aperto un primo tratto, che è molto frequentato dai nuovi abitanti della zona. Se non che, in questo quartiere risiede da decenni una comunità ebraica hassidica, che non ha gradito l'iniziativa. Infatti una delle regole di questa comunità stabilisce che i propri aderenti non possano guardare estranei dell'altro sesso se non sono completamente vestiti. E, purtroppo per loro, in bici vanno molte giovani ragazze che, a causa del caldo della lunga estate, giranoper il quartiere in calzoncini, gonne corte, canottiere sbracciate, costringendo gli hassidici osservanti a dover girare lo sguardo da un'altra parte.
Questa foto, tratta da un servizio del New York Post, è bellissima, anche se penso che l'abbiano costruita ad arte.
In realtà, al termine di una riunione della comunità, gli hassidici hanno sollevato formalmente un altro tipo diproblemi: hanno infatti denunciato i problemi di traffico e parcheggio che la pista ciclabile provoca, sottolineando che i ciclisti sono indisciplinati e non rispettano i semafori, mettendo a rischio l'incolumità dei bambini. In realtà avrebbero voluto evitare che la loro lamentela venisse strumentalizzata. Ma le dichiarazioni del capo della comunità, che invece si è lagnato proprio dell'abbigliamento delle ragazze in bici, sono state colte subito dai giornali locali prima e poi da quelli internazionali.

Un paio di riflessioni:
  • Da noi a Roma il primo nemico vero delle piste ciclabili è proprio l'amministrazione comunale (v. ciclabile Tevere "prestata" all'estate romana, o l'incuria totale dei percorsi esistenti, o la vergognosa marcia indietro sul progetto ciclabili Marconi per le proteste dei soliti bottegai);
  • La pista ciclabile di Williamsburg di 20 km è stata progettata e costruita in pochi mesi utilizzando il sistema delle aperture parziali. Già, ma lì non ci sono i 7 colli, ci sono solo i poveri hassidici!

Commenti

Anonimo ha detto…
Ci sono passato, terribile cosa riesca a fare il fanatismo religioso. Tra l'altro le donne tutte calve e con la parrucca...altro che oppio dei popoli, San Marx
AVE
Anonimo ha detto…
Giriamo sugli stessi siti e leggiamo le stesse notizie, pensa che ho segnalato la notizia poco fa a Sempreoltre.
Ragionando in maniera spiritosa pensavo che se anche a Roma avessimo il problema delle cicliste TROPPO sexy probabilmente avremmo buona parte della cittadinanza (quella maschile) in strada a protestare per chiedere a gran voce al sindaco altre piste ciclabili, chilometri e chilometri di ciclabili.....

Mamaa

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …