Passa ai contenuti principali

Notizie dal litorale laziale

Nei giorni scorsi sono stato a Terracina, sul litorale sud pontino in provincia di Latina, e mi sono imbattuto in una serie di situazioni riguardanti l'uso della bicicletta che voglio condividere con voi. Il locale comune negli ultimi anni ha investito molto in un programma di riqualificazione del territorio, ed in questo ambito ha allestito una piccola rete ciclabile, tenendo anche conto dell'intenso uso che della bici fanno sia gli abitanti che i turisti. Ma, come vedete in questa foto, i motoremuniti (mi adeguo al linguaggio di Fabrizio!) prevalgono sugli sforzi degli amministratori: la povera ciclista è costretta ad allagarsi contromano perché la pista rossa è occupata da autovetture in sosta! e qui invece si vede il solito prepotente

scooterizzato che invade un ponticello altrimenti riservato al passaggio di pedoni e bici. Forse bisognerebbe abbinare agli interventi strutturali anche un po' di vigilanza e controllo perché il senso civico lascia decisamente a desiderare!
Passando al tema "rastrelliere", così ben seguito in questo spazio di Roma Pedala, credo che queste, allestite in un posto strategico (la fermata degli autobus Cotral)non siano molto utilizzate, come dimostra la vegetazione che vi si è sviluppata all'interno.
Tuttavia non è che manchi la domanda di posteggi, ma i ciclisti preferiscono il vecchio, caro palo perché lì almeno possono assicurare il telaio con la catena, operazione impossibile su questo genere di rastrelliere, a meno di non dotarsi di catene molto lunghe.

Ultima particolarità rilevata: un segnale stradale che non conoscevo "restringimento pista ciclabile". Ed in effetti la pista, come vedete, diventa così stretta che anche un pedone non riuscirebbe a restarvi all'interno. Sarà a norma una ciclabile così stretta? E il segnale stradale poi, esisterà o è il frutto di una originale creatività di qualche assessorato locale?
(Questo post è stato pubblicato in anteprima su http://www.romapedala.splinder.com/. Le foto sono quindi "marcate con l'indirizzo di questo blog))

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto