Passa ai contenuti principali

La cabinovia a Roma. A quando lo skilift?

L'agenzia Ansa ha pubblicato la notizia, ripresa da molti giornali, della imminente costruzione a Roma di una cabinovia che scavalcherà il Tevere all'alteza della Magliana. L'opera, che costerà circa 12 milioni di euro, avrà un tracciato di 650 metri ,percorso dalla cabina in poco piu' di due minuti, articolato più o meno così: sorvolo di via Ostiense, via del Mare, un circolo sportivo, il viadotto della Magliana, il fiume e l´argine del Tevere, vicino alla pista ciclabile, che però non verrà interrotta (così dice WV).
I due capolinea saranno la stazione metro della Magliana e, dall´altra parte del fiume, la scuola Otto Marzo, attualmente in stato di abbandono, a via Impruneta. Le cabine saranno 32, da otto posti ciascuna, alle quali sara' possibile accedere ogni 10 secondi, con una capacita' di trasporto di circa 4mila passeggeri all'ora. E sulla cabinovia sarà ammesso anche il trasporto delle bici al seguito del passeggero, in considerazione che la cabinovia passerà proprio sopra alla pista ciclabile.
Lette le parole del Sindaco (pro tempore perché in attesa di poter governare l'intero paese) mi rimangono alcuni dubbi.

  1. Le cabine avranno una frequenza di passaggio di 10 secondi. Poniamo il caso che su ciascuna cabina salga 1 bici. Per far salire la bici nella cabina occorre però arrestare almeno qualche secondo l'impianto. Significa che le altre 31 cabine che sono lungo il percorso dovranno subire analoga sosta. In altre parole, la cabinovia procederà a singhiozzo, con soste ogni 10 secondi? Oppure dovremo imparare ad entrare nella cabina "al volo" con la bici in braccio?
  2. Ipotizziamo di trovarci, in bici, su via dell'Impruneta, e di essere colti da un raptus improvviso che ci costringa a salire sulla cabinovia. Compriamo i 2 biglietti del bus (questa è la tariffa del servizio), chiediamo all'addetto di farci salire, montiamo su, ci godiamo lo spettacolo del campo ROM sull'argine destro, del canile sull'argine sinistro e siamo arrivati. E ora? Ora, con la nostra bici sottobraccio, dove andiamo? Qualcuno ha notizia di nuove ciclabili in allestimento all'altezza della stazione metro Magliana?
  3. E se, in presenza dell'impulso impellente di cui al punto precedente, decidessimo, invece di salire sulla cabinovia, di proseguire sulla ciclabile e di superare il Tevere proprio utilizzando la ciclabile già oggi presente, che utilizza un corridoio sul ponte della Magliana? Qualcuno potrebbe biasimarci se abbiamo evitato l'inutile brivido a pedaggio della cabinovia?

Chiedo scusa per il tonno irriverente, non sono disfattista, ma realista, e mi domando se i 12 milioni di euro non possano essere spesi meglio per migliorare davvero la qualità della mobilità cittadina. Il Sindaco (pro tempore etc etc...) tra i titoli di vanto dell'opera ha detto che ''non esiste un progetto come questo in nessun altra grande citta' italiana". A prescindere che non è vero, visto che io personalmente ho più volte utilizzato la cabinovia, inaugurata 31 anni fa, che collega Manhattan a Roosvelt Island, a New York City, ma se anche fosse, un motivo ci sarà, no? WV si è mai domandato come mai Parigi, Londra, Berlino, Amsterdam hanno preferito investire su sistemi integrati di metropolitane e piste ciclabili piuttosto che su cabinovie? Oppure sta progettando di rendere ancora più attraente Roma con l'aggiunta di qualche pista da sci facilmente raggiungibile con lo skilift?

Commenti

Anonimo ha detto…
Io lo skilift lo vorrei... prrrrr!
franci (guidi)
Acer ha detto…
"Tonno irriverente" ?
Un parente del "tonno insuperabile" ?

Correggi e poi cancella il commento
Acer ha detto…
Ma ti sei bevuto il cervello ?
WV dice che non ci sono cose simili in Italia e tu dici che non è vero perchè ce ne sono a New York ?

Correggi e cancella il commento

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …