Passa ai contenuti principali

C'è ruolo e ruolo

«Non mi è mai capitato - ha affermato Veltroni dopo aver assistito il 25 giugno al discorso di Berlusconi all'assemblea della Confesercenti - di trovarmi di fronte a un Presidente del Consiglio che fa un comizio a una categoria di persone che lavorano e aiutano il Paese a crescere. Chi ha quella responsabilità, dovrebbe rispettare le persone che si trova davanti, l'opposizione e il suo ruolo che è quello di Presidente del Consiglio."

Mi permetto di contestare questa affermazione.

Berlusconi, secondo la classifica 2008 del periodico americano Forbes, ha un capitale personale di 9.400.000.000 euro (nove miliardi e 400 milioni di euro, pari a 18.200.938.000.000 di lire, oltre 18mila miliardi di lire) ed è al 90° posto fra i ricchi del mondo. In Italia è il 3° nella classifica dei ricconi nostrani, dopo Michele Ferrero (proprietario della Ferrero) e Leonardo Del Vecchio (proprietario della Luxottica).

Pertanto il suo ruolo primario è chiaramente quello di tutelare il suo patrimonio personale, la salute delle sue tante aziende, italiane, estere e off-shore, nei settori dell'edilizia, della comunicazione, finanziario, commercio, sport, nonché i destini dei suoi cinque figli.

Per difendere questo impero, escluso (dai fatti) che lo possa fare esclusivamente competendo lealmente ad armi pari in un mercato regolate da regole trasparenti uguali per tutti, ha necessità di utilizzare anche le leve del potere politico, amministrativo e giudiziario.

La vera ragione per cui Berlusconi è in politica è il bisogno di tutelare il suo impero economico. Pertanto il ruolo che esprime è un ruolo, nella sua visione, assolutamente corretto: è un ruolo di parte, di una persona che difende i suoi interessi, attacca i suoi avversari, li mette in cattiva luce davanti all'opinione pubblica e si sforza di contrastarne con la massima energie le azioni, utilizzando tutte le armi di cui può disporre.

Pertanto, Veltroni, non si stupisca. Si domandi piuttosto perché la maggioranza degli italiani ha votato per formazioni politiche che accettano di supportare questo chiaro disegno, non politico ma difensivo degli interessi del 3° uomo più ricco d'Italia.

Forse per mancanza di un'alternativa politica credibile?

Commenti

Anonimo ha detto…
Solo il 3° uomo più ricco d'Italia?!
Non ci credo, sicuramente hanno sbagliato i conti!
Mamaa
magociclo ha detto…
La classifica di Forbes è dinamica: Berlusconi nel 2006 era il numero 37 del mondo, con un patrimonio di 11 mld di euro. Poi lo scorso anno scese al 51° posto, pur vedendo il patrimonio aumentare a 11,8 mld di euro.
Quest'anno invece il patrimonio è sceso e Berlusconi è precipitato in graduatoria.
Se poi questa retrocessione sia frutto di abili artifici dei suoi maghi della finanza, che potrebbero aver trasferito la titolarità di alcuni beni dal patrimonio personale a quello del gruppo, o dell'accanimento del governo comunista di Prodi (che, per inciso, non è riuscito nemmeno a produrre una striminzita legge sul conflitto di interessi) non lo so.
Secondo me però a questo declino di Berlusconi non è estraneo il declino complessivo del Paese: come dire...chi è causa del suo mal...
Anonimo ha detto…
"...e alla fine dl pasto tra lazzi e avanzi, i bravi di don Rodrigo speravano di racimolar qualcosa anche per loro, incuranti della provenienza maledetta di quelle grasse cibarie..."

Don Rodrigo, Mussolini, Andreotti, Berlusconi...i veri idoli delle masse italiche.
Ave caiofabricius VALE

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l