Passa ai contenuti principali

Cosa differenzia Italia e Spagna?

Secondo Voi cosa distingue oggi la Spagna dall'Italia?

Il fatto che domenica 22 giugno la Spagna abbia battuto ai rigori l'Italia nei quarti di finale dei campionati europei di calcio?

noo...troppo sportivo.

Allora il fatto che nella classifica 2008 Eurostat del Prodotto Interno Lordo (PIL) pro capite la Spagna superi l'Italia per 107 a 101?
noo...troppo economico.

La vera differenza tra Spagna e Italia sta nel regime di governo:

La Spagna è una monarchia costituzionale

mentre l'Italia invece è una monarchia...incostituzionale! (*)

(*) Frase pronunciata da Oliviero Beha durante TG3 Primo Piano del 23 giugno 2008


Commenti

Anonimo ha detto…
Caro Magociclo, la cosa che più spaventa non é tanto quello che combina il Cavaliere con tutte le sue leggi e leggine ad uso e consumo personale, non é neanche la ricaduta terribile che hanno queste leggi sul sistema e sulla società (ho letto un esempio di quello che succederà con la legge blocca processi e sono terrorizzata!!).
Quello che veramente fa paura, ed é un indicatore grave del livello di abbrutimento quotidiano, é il fatto che nelle rubriche di posta dei giornali ci sia gente che lo difende a spada tratta ed addirittura se ne esca con frasi tipo: "Bisognerà aspettare un secolo prima che gli storici rivalutino Berlusconi"
Aiutoooooooo!
Mamaa
Anonimo ha detto…
Grande Mago!
Ma gli orrori della Storia difficilmente sono imputabili a singoli individui, per quanto dipinti, o, effettivamente "mostri".

Insomma dopo quasi un secolo di benessere e pace nel Mediterraneo con gli Antonini nel II secolo, arrivò il flagello violento e devastante di Commodo.

Mostro sicuro, ma può essere obiettivamente colpa di un solo individuo la fine del diritto e l'avvio dell'oscuro medio evo?

Hitler e Mussolini hanno si fatto dei colpi di Stato più o meno traumatici, ma avevano una SOLIDA MAGGIORANZA CONVINTA CHE LI SOSTENEVA e che ha continuato a seguirli fin dentro i più neri abissi.

E' imbarazzante parlare di democrazia con questo terzetto, ma non bisogna nascondere la pur spaventevole verità: la "maggioranza" era ed è con questi VERI INTERPRETI DEI TEMPI.

Sì, vabbè, con Benigni del Mostro , "fanculo la maggioranza", ma dovunque ti giri vedi corruzione e miseria morale, furbizia e violenza contro i deboli, accondiscendenza e connivenza con i forti, quindi ben venga il Vero interprete umano e politico di tutto ciò.
AVe caiofabricius VALE

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …