Passa ai contenuti principali

Il grande rugby a Città di Castello - PG. Fotoracconto di una giornata di sport

Domenica 1° giugno, il grande rugby italiano è a Città di Castello, in provincia di Perugia. Grande nel senso di grande organizzazione, grande sportività, grande divertimento. In realtà il 3° torneo Città di Castello è stato dedicato ai piccoli e non ai grandi, ai giovani del rugby, nelle categorie under 7, 9, 11, 13 e 15. C'era un numero incredibile di ragazzini, di familiari, di allenatori. I dialetti si intrecciavano in una lingua franca che partendo dal veneto si addolciva in riva all'Arno e si troncava sulle sponde del Tevere. In 9 ore di sport, decine di incontri e scontri, mai una parolaccia o un gesto sconveniente (tranne che da un personaggio -recidivo- polemico e "rosicone" che vale la pena identificare: l'allenatore di una delle giovanili dei "Bombi" di Firenze, squadra che per la simpatia e la bravura degli altri allenatori e di tutti i giocatori non merita di essere identificata da una persona che dello spirito del rugby non ha davvero appreso niente) o uno scontro "cattivo".

I ragazzi si sono appassionati, si sono stancati, hanno gioito e sofferto e alla fine, hanno tutti vinto, tanto i primi quanto gli ultimi arrivati, e non sembri retorica, è successo proprio così.
Il modo migliore per cogliere lo spirito di questa giornata è seguire una delle squadre partecipanti, per rubare un briciolo di questa atmosfera:



08.00. Dopo una sveglia alle 7 e l'abbondante colazione la squadra si raccoglie intorno all'allenatore: è il momento tanto atteso dell'assegnazione ad ogni ragazzo della maglia ufficiale con cui giocherà il torneo.



Ore 09.45. Il torneo inizia. Comincia la rincorsa alla crudele palla ovale, che rimbalza dove vuole, rincorsa che durerà l'intera giornata.



Ore 11.00. L'agonismo ribolle, ma sempre con grande correttezza. Le partite si susseguono senza un attimo di riposo, né per i muscoli dei giocatori né per le coronarie dei genitori.



Ore 13.00. Stoooop, è l'ora del "rancio". Le squadre mangiano tutte insieme sotto un grande tendone, assistite con grande premura dai volontari dell'organizzazione.




Ore 15.00. Si ricomincia: spareggi, semifinali, finali, tutti giocano ancora, senza risparmiarsi in niente.


Ore 17.00. Il torneo è finito. Pensate che i ragazzi siano stremati? per niente: cantano, saltano, festeggiano: ci sono premi per tutti!



Ore 18.00. E' ora di rimontare sul pullman. Fra qualche ora saremo a casa, con un ricordo ed un'esperienza, positiva, in più!

Commenti

Anonimo ha detto…
Grazie grande Cronico!

La giornata di Domenica non sarebbe stata cosi entusiasmante senza i tuoi aggiornamenti in tempo reale....

Alla prossima trasferta

MAP

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto