Passa ai contenuti principali

No al razzismo!

No al razzismo, scandivamo da ragazzi negli anni '70 durante le manifestazioni contro l'apartheid in Sudafrica. No al razzismo, commentavamo quando sentivamo che in alcuni stati USA i posti in autobus erano ancora ripartiti fra bianchi e neri, o che c'erano scuole "dedicate", alle quali si accedeva in base al colore della pelle. No al razzismo, pensavamo commossi ascoltando un uomo di colore che nel 1963 aveva gridato "I have a dream".
E oggi, oggi cosa pensiamo, commentiamo, gridiamo quando a pochi km da casa nostra qualcuno dà fuoco a delle case solo perché lì ci abitano gli "zingari"? o quando qualche politico vorrebbe fosse definita criminale la condotta di chi entra di nascosto nel nostro paese perché nel suo non ha da mangiare, non ha lavoro o è perseguitato per le sue idee?
Non ho nessuna voglia di dare lezioni, ma voglio testimoniare la mia posizione, chiara, precisa, assoluta: oggi come ieri NO AL RAZZISMO! No al razzismo nel mio paese, no alla caccia ai ROM, agli zingari, ai clandestini, ai terroni, ai marocchini, agli ebrei, agli omosessuali, a tutti quelli che sono diversi da me per colore di pelle, per idee, per provenienza.
E invece sì a tutti gli appelli alla conciliazione, a tutti i richiami ad unirci e a non dividerci. E fra i (fortunatamente) tanti, scelgo per presentarvelo, quello di p. Alex Zanotelli, prete missionario negli slum di Nairobi, a Korogocho, per anni direttore di Nigrizia, e oggi impegnato nella difesa dei più deboli della terra.
Leggete le righe scritte da padre Alex con la sua forte passione, leggetele, meditatele, discutetele con chi avete vicino. E poi, dopo la riflessione, se vi riconoscete in quello che avete letto, sottoscrivetele, per dare voce e forza a chi vuole continuare a gridare che gli uomini sono tutti uguali!!

Commenti

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l