Passa ai contenuti principali

Perché scegliere la bici?

I commenti al post precedente mi hanno fatto cercare le poche righe che seguono, scritte qualche settimana fa e messe da parte in attesa di maturazione. Ecco, credo che oggi sia arrivato il momento adatto per tentare di spiegare perché alcuni di noi scelgono la bicicletta come mezzo ideale di movimento.

E' un tranquillo sabato di estate come tanti altri, né migliore né peggiore, con tante cose da fare, ma tutte rinviabili. Cammino per casa pensando. In realtà sto cercando una scusa con me stesso per prendere la bici. Possibile che non abbia una commissione, un servizio da fare fuori casa, un posto da raggiungere in bicicletta?
Niente, non mi viene in mente niente.
Poi la folgorazione: ma io in bici ci vado perché mi piace, non perché mi serve!
Il pensarlo ed essere già sul sellino a pedalare è stato tutt'uno!
Che bisogno c'è di cercare un motivo per andare in bici? La bici è bella per se stessa, per le emozioni che ti dà, per il piacere che ti concede. Libera la mente, fa pensare, rimette in moto tutto quello che c'è dentro, non puzza, non fa rumore, non inquina, è utile, è economica.
La bici è bella!

Commenti

Anonimo ha detto…
A "non fa rumore" preferisco "é silenziosa", perché in realtà la bici ha un rumore o meglio un suono tutto suo.
Una musica che solo chi va in bici sa riconoscere e quando da pedone sente quel lieve fruscio, quel silenzioso rotolare di ingranaggi ben lubrificati, non ha bisogno del suono del campanello per sapere che deve spostarsi un pochino per lasciar passare un'anima libera.
E tu mago lo sai meglio di me.
Mamaa
magociclo ha detto…
Vero verissimo, la bici ha un suono che io ho definito "l'orologio". Non lo so perché, non credo ci siano analogie, ma quando sento passare una bici ben lubrificata e manutenuta, senti il fruscìo dell'aria che sposta e un ronzio (quello che chiamo orologio)che fa innamorare dell'oggetto. Anche i vecchi catenacci hanno un loro suono, più malinconico, in genere ritmico perché si ripresenta ad ogni pedalata. E' come se la bici chiedesse aiuto, chiedesse che una mano esperta le restituisse la dignità perduta. Ma anche così è bella ugualmente.
La bici ha un suono. Ma allora potremmo definirla anche uno strumento musicale?

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto