Passa ai contenuti principali

Cosa ti rimane quando spegni la televisione?

Su un blog amico Susy Pepe, intervenendo in una discussione sulla professionalità dei giornalisti televisivi italiani e sulla capacità dei vari telegiornali di svolgere un vero ruolo di informazione senza seguire a testa bassa la tentazione di "cavalcare" solo pochi argomenti di massima attualità e capacità di attrarre ascolti (in questo caso si parlava dell'assoluto dominio su tutti i tg delle notizie e del gossip relativi alla nazionale di calcio), afferma:


"...Oggi che la tv generalista per larga parte propone spazzatura, anche le testate d’informazione sembra si stiano conformando al nulla, al vuoto di chiacchiere ridondanti degli strillo-show, per adattarsi al gusto di quanti si riempiono la testa di nulla guardando programmi che non cominciano e non finiscono, sono solo parentesi di chiacchiere su un argomento aleatorio. Muore così il patto primordiale tra tv e telespettatore, il patto “buonista” in bianco e nero per il quale il telespettore, una volta spenta la tv, doveva aver in se’ qualcosa in più rispetto a prima. Oggi la tv ha rinunciato al suo ruolo educatore, è ormai da moralisti censori dare questo ruolo a tale media, ma che anche i tg rinuncino alla loro funzione informativa in favore di un intrattenimento patinato e gossipparo, che le testate rinuncino all’indipendenza di giudizio conformando la scaletta non all’ordine dettato dalle oggettive contingenze me adattandosi al gusto della massa grassa per attirare ascoltatori e pubblicità, è un serio campanello d’allarme. La soluzione? Purtroppo, se c’è, è solo nella professionalità di pochi."


E secondo te che soluzione c'é, sempre che ci sia?

Commenti

Marcopie ha detto…
Non ci sarà soluzione finché non avremo una percezione chiara dell'esistenza di un problema.
Stiamo allevando generazioni di imbecilli? Non è un problema finché ci saranno soldi, energia, cibo in abbondanza. Alla prima crisi internazionale (penso che non manchi molto...) ci renderemo conto di aver agito in maniera molto stupida, ma come al solito daremo la colpa a qualcun altro.
Nel frattempo: avanti con le "veline". :-(
Anonimo ha detto…
Non é vero! Non stiamo allevando generazioni di imbecilli... sono già belle che cresciute 'ste generazioni, adesso siamo già almeno alla terza generazione e da quello che vedo siamo sempre più simili a scimpanzé che a homo sapiens.

La sera dopo vari tristi tentativi di trovare un telegiornale decente, in cui le notizie serie (suppur faziose e oltremodo filtrate) durino più dei soliti 5 minuti per poi lasciare posto a gossip, moda e scandali calcistici vari, stremata da tanta vana ricerca alla fine cedo lo scettro al pargolo e mi godo dei sani cartoni animati insieme a lui!!
Oltretutto verso le 20,30 ci sono anche dei documentari bellissimi sul digitale.. vuoi mettere?!
Mamaa
Anonimo ha detto…
Televisione ? What's televisione ?

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l