Passa ai contenuti principali

Cosa ti rimane quando spegni la televisione?

Su un blog amico Susy Pepe, intervenendo in una discussione sulla professionalità dei giornalisti televisivi italiani e sulla capacità dei vari telegiornali di svolgere un vero ruolo di informazione senza seguire a testa bassa la tentazione di "cavalcare" solo pochi argomenti di massima attualità e capacità di attrarre ascolti (in questo caso si parlava dell'assoluto dominio su tutti i tg delle notizie e del gossip relativi alla nazionale di calcio), afferma:


"...Oggi che la tv generalista per larga parte propone spazzatura, anche le testate d’informazione sembra si stiano conformando al nulla, al vuoto di chiacchiere ridondanti degli strillo-show, per adattarsi al gusto di quanti si riempiono la testa di nulla guardando programmi che non cominciano e non finiscono, sono solo parentesi di chiacchiere su un argomento aleatorio. Muore così il patto primordiale tra tv e telespettatore, il patto “buonista” in bianco e nero per il quale il telespettore, una volta spenta la tv, doveva aver in se’ qualcosa in più rispetto a prima. Oggi la tv ha rinunciato al suo ruolo educatore, è ormai da moralisti censori dare questo ruolo a tale media, ma che anche i tg rinuncino alla loro funzione informativa in favore di un intrattenimento patinato e gossipparo, che le testate rinuncino all’indipendenza di giudizio conformando la scaletta non all’ordine dettato dalle oggettive contingenze me adattandosi al gusto della massa grassa per attirare ascoltatori e pubblicità, è un serio campanello d’allarme. La soluzione? Purtroppo, se c’è, è solo nella professionalità di pochi."


E secondo te che soluzione c'é, sempre che ci sia?

Commenti

Mammifero Bipede ha detto…
Non ci sarà soluzione finché non avremo una percezione chiara dell'esistenza di un problema.
Stiamo allevando generazioni di imbecilli? Non è un problema finché ci saranno soldi, energia, cibo in abbondanza. Alla prima crisi internazionale (penso che non manchi molto...) ci renderemo conto di aver agito in maniera molto stupida, ma come al solito daremo la colpa a qualcun altro.
Nel frattempo: avanti con le "veline". :-(
Anonimo ha detto…
Non é vero! Non stiamo allevando generazioni di imbecilli... sono già belle che cresciute 'ste generazioni, adesso siamo già almeno alla terza generazione e da quello che vedo siamo sempre più simili a scimpanzé che a homo sapiens.

La sera dopo vari tristi tentativi di trovare un telegiornale decente, in cui le notizie serie (suppur faziose e oltremodo filtrate) durino più dei soliti 5 minuti per poi lasciare posto a gossip, moda e scandali calcistici vari, stremata da tanta vana ricerca alla fine cedo lo scettro al pargolo e mi godo dei sani cartoni animati insieme a lui!!
Oltretutto verso le 20,30 ci sono anche dei documentari bellissimi sul digitale.. vuoi mettere?!
Mamaa
Acer ha detto…
Televisione ? What's televisione ?

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto