Passa ai contenuti principali

Quotidiane mirabilie ciclabili romane: da porta S. Paolo all'Appia antica lungo le mura Aureliane e la Caffarella

Sono in bici, è domenica mattina (si è svegliato già il mercato direbbe il cantautore)... ma supero lo slargo di porta porta portese e proseguo verso porta s. Paolo, dove (forse) troverò qualche ciclista della domenica con cui fare un breve giretto in bici, prima che le nuvole nere, dense sopra la capitale, scarichino il loro contenuto sulle nostre teste.
E qui c'è già il primo errore: a porta s. Paolo non ci sono "pochi ciclisti della domenica", ma è presente, in gran numero (alla fine saremo oltre 45 partecipanti) il meglio del ciclismo urbano capitolino.



Secondo errore: pur essendo a Roma, l'appuntamento delle 9.30 è rispettato al minuto. Conferma che i ciclisti sono persone serie e puntuali, altro che stravaganti personaggi d'antan.


Il cielo purtroppo non promette niente di buono


e, si sa, ogni promessa è debito: 10 minuti dopo che Caiofabricius ha iniziato la spiegazione comincia a cadere la pioggia.
A questo punto però occorre introdurre il vero protagonista della giornata, Caiofabricius, d'ora in avanti solo Caio. Questo signore, con barba e maglietta nera e una vaga somiglianza con Roberto Vecchioni,

è l'anima della giornata. Ne è stato l'ideatore, il promotore, l'organizzatore, l'editore (ha stampato decine di dispense, regalandole ai partecipanti) e, soprattutto, il conduttore, nel senso che ha tentato di riversare in noi presenti alcune gocce della sua immensa cultura storico, politico, agronomo, metropolitana, zoologica e musicale. Tant'è che un incuriosito passante mi ha chiesto durante la giornata "ma quel signore è professore di storia o di scienze?"

Comunque, Caio inizia la sua calda, affascinante spiegazione, che durerà l'intera giornata, e ci porta come su un tappeto volante sopra la storia della nostra città, passando per i 7 re di Roma, Ladislao I di Napoli, i Barbari, la Resistenza, senza trascurare accenni di tecnica delle costruzioni (mura, torri di guardia, strade lastricate, conglomerati più o meno scivolosi),


di storia delle armi (indimenticabile la descrizione delle Balliste) e anche qualche pizzico di grand guignol. La pioggia cade, ma non ci bagna, non distoglie la nostra attenzione dal mondo di sogno che Caio ci proietta davanti agli occhi. E sarà così per l'intera giornata, che passerà tra una meraviglia dell'antichità presa da Caio delicatamente con due dita, spolverata con un soffio, mostrataci e poi rimessa con cura al suo posto, un pezzo di strada percorso in bici, fra volti non familiari eppure così vicini


E che dire della sosta al bosco sacro, nel cuore del parco della Caffarella, vicino ad alberi secolari e ad arbusti piantati proprio da Caio con i suoi amici del quartiere? O della magia spriginata da "S. Urbano", nascosto alla vista da un'inutile siepe, ma svelato magicamente ai nostri occhi da Caio? o della magia del ninfeo di Egeria e del tempio del dio Redigolo? O dei cori accompagnati dalla chitarra di Guido e dalla voce limpida e forte di Cecilia?


Tanti sarebbero gli spunti per un commento, una sottolineatura: ad esempio "Mamaa" con bambino sul sediolino e fotocamera saldata sul manubrio della bici


o i biscottini con il vino, magicamente usciti dall'inesauribile borsa di Patrizia

e rapidamente terminati nelle nostre voraci bocche.
Tanti sarebbero gli spunti per un racconto, una riflessione, un ricordo o un approfondimento. Ma forse, alla fine, tante parole potrebbero rovinare il ricordo di una magnifica giornata dedicata alle quotidiane mirabilie cicliste romane.

E allora basti un ringraziamento corale a tutti i presenti e a Caio che ha voluto e organizzato questa splendida iniziativa.

Commenti

Anonimo ha detto…
Paolo, che dire?
Grazie per questa bellissima pagina, adesso la ritaglio e me la conservo per i momenti bui.
E complimenti per questo tuo spazio..
Ciao!
AVe caiofabricius VALE
Anonimo ha detto…
Grazie Paolo, ho messo il tuo blog tra i preferiti, così ogni tanto vengo a trovarti.
Mamaa

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l