Passa ai contenuti principali

Buon compleanno, Velib, anche se...

Buon compleanno Vélib! Il 17 luglio dello scorso anno veniva ufficialmente inaugurato il servizio parigino di bike sharing.
In questi giorni la stampa internazionale parla ampiamente di questo anniversario sottolineando come l'idea di questo servizio (idea peraltro "originaria" di Lione), ma ancor di più le sue modalità di realizzazione e gestione, hanno ispirato molte altre città, Roma compresa (sic! vedi in fondo).

I numeri di Vélib sono più o meno questi (fonte il Sole 24h del 16 luglio 2008 e NYT del 13 luglio): nel primo anno il servizio è stato utilizzato 27 milioni di volte, nel giorno "medio" si contano circa 120.000 utilizzi (nei giorni di sciopero dei mezzi di trasporto gli utilizzi sono stati oltre 140.000), con una durata media del singolo percorso di 18'. Gli incassi sono stati di circa 20 milioni di euro, metà dei quali destinati alla JCDecaux, concessionaria della gestione del servizio e della manutenzione delle bici.

Le bici a disposizione sono circa 20.600, distribuite fra circa 1.450 stazioni di posteggio. La bici Vélib è stata costruita con criteri di particolare sicurezza e robustezza, pesa circa 22,5 kg ed è stata concepita per percorrenza di circa 10.000 km all'anno. Tutto questo ha un costo: ogni bici costa 3.460 euro.

Anche Vélib ha avuto le sue vittime: 3 ciclisti sono morti sulla bici Vélib a seguito di incidenti con autobus o camion, anche se i gestori del servizio rilevano che a fronte di una crescita del 27% nell'uso delle bici in città gli incidenti sono aumentati solo del 7%.

Però...però qualche problema c'é: oltre ai quotidiani atti di vandalismo (ogni giorno vanno in riparazione per guasti o gesti vandalici circa 1.500 veicoli), in quest'anno circa 3.000 bici, pari al 15% del parco circolante, sono state rubate, il doppio di quanto fosse stato preventivato. E i furti non sembrano addebitabili solo a qualche piccolo ladruncolo: alcune delle bici rubate sono state ritrovate in Romania, mentre altre sono state recuperate dentro container in partenza per il Marocco.

Tuttavia gli amministratori francesi non si scoraggiano e nei prossimi mesi saranno aperte altre 300 postazioni Vélib, prevalentemente nella banlieu, in corrispondenza delle fermate della rete ferroviaria regionale.

Fare dei paragoni è certamente difficile, ma cercare di capire come sarà lo sviluppo del bike sharing romano credo sia doveroso. Cifre, ad alcune settimane dall'inaugurazione del servizio, ancora non ce ne sono. Ad occhio, in giro per il centro città (unica zona dove è attivo il bike sharing) non si vedono molte bici rosse del servizio, ma è una rilevazione empirica. Dovremo aspettare il termine del periodo sperimentale di 6 mesi per capire che futuro avrà il bike sharing romano.

Nel frattempo 2 domande: quanto costa la bici adottata a Roma? a vederla e toccarla non sembra proprio valere la cifra della "sorellina" francese.
Perché dobbiamo chiamare questo servizio con un termine inglese (bike sharing)? I francesi hanno coniato un neologismo (Vélib, sintesi di "vélo" e "libérté"). Vi viene qualche idea?

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto