Passa ai contenuti principali

Doping? sì, grazie

Lo temevo, anzi, lo sapevo, ma leggerlo è sempre amaro: "...in Italia (ci sono) almeno mezzo milione di sportivi truccati e senza controllo, vittime del mito della vittoria anche quando la vittoria non vale niente, solo l'orgoglio di arrivare davanti, o di specchiarsi e vedere muscoli lucidi e turgidi da culturista. Sono i "dopati fai da te", cioè il vero motore di un'industria parallela a quella della droga, nelle mani della criminalità organizzata, che fattura due miliardi di euro all'anno e che nel 2007 ha visto commerciare Epo per oltre 200 milioni." Lo scrive Maurizio Crosetti su Repubblica, confermando quella che era già più di una sensazione.

Lo spunto è l'amara vicenda del ciclista Riccò, cacciato dal Tour come un criminale per essersi "bombato" con una sostanza, l'EPO, che consente di aumentare i globuli rossi nel sangue, con conseguente miglioramento delle prestazioni. Forse è il caso di ricordare cosa sia l'EPO: e' un ormone, normalmente prodotto da cellule del nostro corpo in risposta a segnali provenienti da sensori per l'ossigeno a livello renale. Stimola il midollo osseo a produrre globuli rossi, comportando quindi un aumento della riserva di ossigeno. Viene utilizzato in genere per gli sport di resistenza. Nel ciclismo l'atleta non deve avere un ematocrito superiore al 50% ( per le atlete il limite e' 48% ). Si vuole evitare in questo modo il rischio trombo-embolico, causato dall'aumento della densità del sangue. Le cronache del ciclismo sono ricche di aneddoti che vedono ciclisti protagonisti di improvvise e inderogabili pedalate sui rulli nel cuore della notte per fluidificare il sangue altrimenti pericolosamente denso.

Ebbene, i Riccò, i Piepoli, i Basso (per rimanere nelle fila italiane) sono solo la punta dell'iceberg. Sono decine di migliaia gli sportivi dilettanti che assumono regolarmente "integratori alimentari" e farmaci veri e propri, magari acquistati su internet, per migliorare prestazioni e aspetto fisico. Sul commercio di queste sostanze è peraltro in arrivo la mano di mafia e camorra, che hanno annusato l'odore dei soldi e stanno arruolando medici, farmacisti, allenatori e testimonial.

Ricordo la mia meraviglia quando lo scorso inverno entrai nel "Marathon village" di Roma (l'insieme degli stand allestiti in occasione della Maratona di Roma) e trovai alcuni rivenditori di ogni genere di prodotto che potesse aiutare l'atleta: dalle innocenti bustine di carbogel a non identificate "vitamine" multicolore, a sconosciuti integratori dai nomi suadenti: Energy, Power, Endurance, Animal Nitro (!)...

Insomma, Maurizio Crosetti apre uno spiraglio di conoscenza su questo mondo di dopati della domenica che non si curano di quello che succederà il lunedì.

Commenti

cormarco ha detto…
Forse dovresti provvedere anche tu con qualche sostanza che ti possa aiutare a superare le terribili asperità della salita di Bracciano. A meno che non esca solo con me che, con mille futili scuse, ti obbligo a mantenere una media appropriata a degli over 50. (Questa te la sei proprio cercata) Al prossimo, tranquillo, giro.
Ciao
magociclo ha detto…
Per reggere le tue medie sarebbe sufficiente una barretta di "vita snella" da 85 calorie, se proprio fossi in vena di tirare.
Pensa ad allenarti piuttosto, che la gara di Orte non è lontana!

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto