Passa ai contenuti principali

L'agente della stradale

Sabato mattina, sono le 10.00. Sono immerso nel traffico lento che lungo l'Aurelia scivola da Roma verso il mare. All'altezza del km 15, nel senso di marcia opposto al mio (quindi in direzione della capitale), una pattuglia della polizia stradale controlla il traffico e con l'autovelox misura la velocità dei veicoli in transito.
All'improvviso uno dei due giovanissimi agenti componenti la pattuglia si allontana con uno scatto dalla volante. Con un solo balzo è in mezzo alla carreggiata, in quel momento vuota, gli occhi fissati su un puntino lontano in arrivo. Guarda una macchina che, in corsia di sorpasso, sta venendo giù come una freccia. L'agente sembra un giaguaro, le gambe leggermente flesse, tutti i nervi al massimo dalla tensione, pronto a scattare se le circostanze lo dovessero richiedere. La sua tensione palbabile è visibile per il gesto nervoso con cui agita dall'alto verso il basso la paletta. Sono pochi secondi, 3, massimo 4, ma interminabili, la macchina sembra resistere all'intimazione, poi però capisce che non ha scampo, rallenta, freccia, l'agente con un ampio gesto del braccio la accompagna sul lato della strada, nella "rete". Adesso seguiranno il controllo dei documenti e le eventuali contestazioni, ma questa è routine per il "giaguaro".
Voglio dire grazie a quell'agente, che per uno stipendio da fame, in un lavoro che so essere duro e ingrato, ha mostrato con il suo gesto di credere nei valori del rispetto delle regole, nel valore del suo lavoro, fino al punto di rischiare la vita per fermare un veicolo con la sola autorità della sua divisa, divisa che ha onorato somma dignità.
Io sono un automobilista tranquillo, ma di solito la vista di una pattuglia della stradale mi mette sempre un po' di timore. Ebbene, oggi voglio dire grazie, grazie alla "stradale", che riesce a presentarsi al Paese con uomini così coraggiosi e leali! E, viste le codardie recenti di uomini politici, che si riparano dietro leggi ad personam pur di evitare il confronto con la giustizia, il grazie alla stradale è ancora più sentito e caloroso!

Commenti

Anonimo ha detto…
Mi associo anch'io per un caloroso grazie a quella che resta però una mosca bianca.
AVe caiofabricius VALE
Anonimo ha detto…
Grazie Mago.
C'e' bisogno di questi racconti positivi !
Bikediablo

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …