Passa ai contenuti principali

Un primo giudizio sulla nuova amministrazione romana

A poco più di 2 mesi dall'insediamento, mi sembra necessario ricapitolare le principali iniziative adottate dalla nuova amministrazione comunale di Roma:
  • Abolizione delle cd "strisce blu", ripristinate nel solo 1° municipio, che delimitavano le zona di parcheggio a pagamento
  • dotazione alla polizia municipale di pistola, manganello e spray urticante anti aggressione
  • abolizione dei fondi destinati alla notte bianca
  • progetto di abolizione della ZTL, sostituita dal cd "Ecopass", recentemente adottato a Milano, senza alcun vantaggio per il traffico e l'ambiente, ma con un significativo aumento delle entrate nelle casse del comune
  • Nel frattempo "alleggerire" la ZTL, per venire incontro alle esigenze dei ristoratori e dei gestori dei locali. Dopo la revisione degli orari notturni, sarà poi la volta della riduzione delle tariffe per la ZTL diurna, a cominciare da quella di artigiani e commercianti.
  • rinvio del provvedimento di allontanamento delle microcar dalle ZTL
  • riprogettazione del corridoio della mobilità "Togliatti" a scapito di percorsi preferenziali per bus e della ciclabile
  • modifica del progetto "metro leggera" per il Laurentino, sostituita da una linea di filobus (ndb: questa info non è corretta. Ringrazio "magister" per la segnalazione. La news è stata corretta all'interno dei commenti, per non modificare il post dopo la pubblicazione)
Almeno su un punto credo non si possa discutere: alla nuova amministrazione comunale di Roma interessa rendere evidente da subito un'attenzione particolare al traffico privato motorizzato, anche se a scapito della tutela dell'ambiente e della mobilità complessiva della città, e mantenere caldo il serbatoio di consensi elettorali, soddisfacendo le esigenze di commercianti, ristoratori, gestori di locali, artigiani.

Voto? insufficiente, e non per pregiudizio, ma per manifestata incapacità di capire i problemi e trovare le soluzioni adatte.

Commenti

magister ha detto…
paolo, l'ultima è imprecisa: il progetto era di un filobus e Marchi ha chiesto di bloccarlo (dopo un anno comunque di opposizione di un fronte del no molto trasversale)
magociclo ha detto…
Corretto, hai ragione. Il progetto solo originariamente, nel 1995, prevedeva la costruzione di una linea metro. Rapidamente però virò verso una più economica e meno impattante rete di filobus.
Pretesto dello stop imposto dalla nuova amministrazione capitolina è stata la protesta di un comitato di abitanti, che si batte per evitare l'abbattimento di 15 pini secolari.
Che sensibilità ambientale!!
Una storia del travagliato progetto si può leggere qui:
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2008/06/28/rm_012eur.html
magister ha detto…
la prima volta che ci incontriamo te la racconto di prima mano, c'è una fantastica e pluriennale sintesi dei vizi italiani di sinistra e di destra

d

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto