Passa ai contenuti principali

EROICA

Domenica mattina, nel buio che precede l'alba di Gaiole in Chianti (2.333 abitanti in provincia di Siena), 3.500 persone si sono svegliate, sono uscite dalle tende irrigidite dalla gelata notturna, hanno maledetto il sugo di caprettone e i bicchieri di chianti della sera precedente, hanno cercato a tentoni la bicicletta, ci sono montati sopra in stato di dormiveglia e hanno iniziato una delle più affascinanti sfide del ciclismo moderno: correre all'antica!
Niente carbonio, cambi elettronici, forcelle ammortizzate, ma solo gambe e parolacce, rapporti durissimi, le camere d'aria incrociate sul petto e il sudore che cola sugli occhi, in attesa di un ristoro dove riprendersi a forza di cantuccini intinti nel vino.
Questa è l'Eroica, manifestazione cicloturistica d' epoca su strade prevalentemente sterrate della provincia di Siena. E' una manifestazione speciale, da ogni punto di vista. Ripropone ambienti e scenografie del ciclismo anteguerra, polvere o fango, nessuna assistenza tecnica (se ti si rompe la bici puoi contare solo sulla collaborazione di qualche altro ciclista. In questa foto l'Eroico Giancarlo ripara la bici di un collega di percorso) ristori d' epoca, strade stupende quanto difficili, grande spirito di sacrificio e d' adattamento. Si ricercano le radici autentiche di quella straordinaria passione popolare che è stato (per tanti versi lo è tuttora) il ciclismo dei giganti della strada, quellla che ha alimentato tante leggende letterarie.

Quattro i percorsi, il più lungo dei quali di 205 km. Molti partecipanti sono partiti nel buoi delle 5 e mezza di mattina e sono arrivati stremati nel buio delle 19.30 della sera, con le braccia a pezzi, il collo irrigidito ma con il cuore caldo di soddisfazione.

Nel giorno in cui altri 2 famosi corridori professionisti (Piepoli e Schumacher) sono stati trovati positivi all'EPO/CERA nel corso dell'ultimo Tour de France, ci voleva proprio un soffio di aria fresca che alimentasse la passione per uno sport che è fatica, sudore, polvere ma anche tanta, tanta gioia!

Commenti

Anonimo ha detto…
I ns. "Eroici" non sono stati ancora trovati positivi all'EPO/CERA perché, é risaputo, il Chianti Rosso DOC ne elimina le tracce!!
Ma poiché ristori dei professionisti il Chianti non c'é...

Mamaa
magociclo ha detto…
Già, tu dici che hanno "lavato" il sangue con chianti e ribollita? ma i diavoli rossi non erano ascetici e astemi?

Cos'è questo clamore nel popolo del blog? Non credete alle virtù dei ciclisti nostrani?
Anonimo ha detto…
Ok, ok, allora mettiamola così: non sono stati trovati positivi a EPO/CERA perché nei ristori dell'Eroica é legale il Chianti, quindi non servono certe robacce chimiche di dubbia origine e neanche DOP!

Mamaa
Anonimo ha detto…
A presto prove provate che pedalare è sognare.
CicloEroico 3106
Anonimo ha detto…
Posso testimoniare che il Chianti Rosso doc ed il Montepulciano d'Abruzzo sono compatibili al 100%

La stessa cosa non posso dire tra la "Ribollita" e la "Sagne e faciuli" di casa nostra.

mmazza come mi somiglia quello della foto (non quello di spalle!!).
Io però ero vestito un po' più leggero. brr.

CicloEroicoGregario 2976
magociclo ha detto…
Il signore di spalle è un simpatico ciclista toscanaccio sui 60 che non conosco. Il "meccanico" con giacca rossa è un maestro della ciclomeccanica e si chiama Giancarlo, quello in piedi con il cappellino si chiama Antonio.

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto