Passa ai contenuti principali

altruismo ciclistico

Sono le 19.00 circa, è maggio, domenica pomeriggio, nelle gambe la stanchezza di tanti km pedalati, nel cuore la soddisfazione di aver fatto un bel giro, nella testa la preoccupazione di dover percorrere altri 10 km, la maggior parte in salita, prima della rituale doccia bollente.

Inciso. Non dico di essere iperprevidente, ma quando vado in giro, mi piace avere le mie comodità. Sulla bici ospito 2 borse, una davanti, agganciata al manubrio, con dentro le barrette dolci, il telefonino, la maglietta di ricambio, i documenti, i soldini spicci per un caffé, gli adesivi "parcheggio cafone" da distribuire generosamente in giro per la città (ma di questo parlerò in un altro post), i cerotti, le bende, il disinfettante (no, il piccolo chirurgo lo lascio a casa, se prevedo di non fare troppi km). La seconda borsa, sotto la sella, contiene il kit meccanico della Liquigas di Di Luca: attrezzo multi tools, leve cacciacopertone, camere d'aria, bomboletta per riparare la gomma, pezze adesive, mastice, guanti usa e getta, pompa per gonfiare modello ipertecnologico miniaturizzata con manometro incorporato. Fine Inciso

Sono sulla ciclabile Tevere nord, altezza ponte Milvio. Incrocio tante persone in bici, molte sono famigliole in libera uscita, ma c'è anche qualche altro esaltato che si allena al record dell'ora. Mentre sono completamente perso nei miei pensieri, una voce accorata mi scuote "che ce l'ha 'na pompa?". E' una matura signora, ferma vicino ad una bici, circondata da 4 ragazzini scatenati in bici. O meglio, i ragazzini scatenati sono 3, il quarto sta fermo, anche lui al fianco di una bici, mogio vicino alla signora e si vede che ha appena ricevuto un anticipo della dose quotidiana di scapaccioni. La signora ripete "Scusi, per caso ha una pompa?". L'idea di fingermi di etnia Kazaka ed ignorare la richiesta in effetti mi attraversa la mente, ma la caccio via subito. Mi fermo e rispondo un flebile "sii". La signora mamma incalza "Me la presta per favore? glielo avevo detto a 'sto disgraziato(e parte, in direzione ragazzino mogio, un secondo acconto sulla quota di cui sopra): fatte gonfia' le rote da tu' padre, ma lui...gnente. robba da matti, mo ccia' le rote a tera e nun potemo torna' a casa". "Prego signora, ecco la pompa, gonfi pure, non ho fretta". La signora mamma afferra la pompa dalle mie mani. Ho un soprassalto: ha delle mani enormi, larghe, pesanti. Penso con terrore alla nuca del ragazzino mogio che le ha appena assaggiate, e solo in acconto. Per un attimo penso anche alla mia pompa ipertecnologica, ma caccio via anche questo pensieraccio. La signora appare ora posseduta dallo spirito del meccanico di Coppi, in fuga verso la cima del Tourmalet: ha iniziato l'opera di pompaggio e vuole finirla in poche mosse. Lo sforzo che produce è massimo, primo colpo, secondo colpo, terzo colpo, quart...sento un rumore secco provenire dal blocco ruota/pompa. Mi dico "sarà la camera d'aria che si sistema nella gomma" ma ci credo poco, vedo che la signora ha cambiato aspetto. L'aria furiosa è stata sostituita da un'aria stupita. Si rialza, con entrambe le mani occupate. Sì, la mia pompa ipertecnologica miniaturizzata con manometro, ora è equamente ripartita fra le due mani della signora. Lo stantuffo nella destra, il resto del maccanismo nella sinistra. Per terra, solitaria vittima, la rondella di chiusura ermetica del pistone. Mi porge i poveri resti "Grazie" sussurra, aggiungendo "Mica l'avrò rotta io?". " No signora, tranquilla. Sono questi aggeggi moderni, un po' troppo delicati. Proverò ad aggiustarla a casa. Si goda la passeggiata con i bimbi".
Davanti a me il tourmalet capitolino, sotto la sella la mia seconda borsa un po' più vuota di come era alla partenza, sulle guance una lacrima, piccola piccola, ma sempre lacrima.

Commenti

oltre ha detto…
> gli adesivi "parcheggio cafone"

Fondamentali! Da avere sempre con se!
alice ha detto…
...dica la verità.. quando ha visto le manone della signora ciacia ha pensato PRIMA alla sua pompa miniaturizzata ipertecnologica, e DOPO alle testolina del figliolo mogio che l'aveva assaggiate!!! ....sempre quella buona moquette sullo stomaco eh? ;)

saluti.. e congrats per gli scritti spassosissimi!

Alis
yban ha detto…
la prossima volta gliela gonfi a fiato
si lacrima forse di più
è liberatorio
magociclo ha detto…
@ yban: ottima idea, ad avercelo però...il fiato, dopo 4 ore di stare chino sui pedali! Mi sa che la prossima volta davvero mi fingo kazako!

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto